28 e 29 novembre “Happy Hand in Tour” fa tappa in Campania per una nuova cultura sulla disabilità

28 e 29 novembre “Happy Hand in Tour” fa tappa in Campania per una nuova cultura sulla disabilità

25 Novembre 2015 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 4583volte!

happyhandintour 300x200 - 28 e 29 novembre “Happy Hand in Tour” fa tappa in Campania per una nuova cultura sulla disabilità

Happy Hand in Tour

Sport, musica, danza e momenti di informazione sensibilizzazione caratterizzeranno il 28 e 29 novembre le tappe in Campania al Centro Commerciale Le Porte di Napoli di Afragola del grande progetto “Happy Hand in Tour”, promosso dalla Società IGD (Immobiliare Grande Distribuzione), insieme alla FISH Campania (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), con il suo presidente regionale Daniele Romano al CIP Campania(Comitato Italiano Paralimpico), con il suo presidente regionale Carmine Mellone. A questo evento è stata invitata a partecipare anche ItaliAccessibile.it – Associazione L’Ancora.

il progetto Happy Hand in Tour è una iniziativa che tramite lo sport e l’espressione creativo-artistica, sta tentando di trasmettere una nuova cultura sulla disabilità, durante una serie di tappe già svolte in molte parti d’Italia nei centri commerciali del nostro Paese.

La Società IGD ha già avviato nelle proprie strutture un percorso rivolto all’accessibilità ed è proprio proseguendo su questa linea di lavoro che intende muoversi anche Happy Hand in Tour, puntando a presentare la disabilità in modalità positiva, sintonizzandosi con la battaglia culturale basata innanzitutto sul principio che la disabilità non è dipendenza, né malattia, ma un fatto strettamente connesso all’ambiente, alla cultura e ai pregiudizi. Nelle giuste condizioni, infatti, le persone con disabilità studiano, lavorano, praticano uno o più sport, vanno in vacanza, conducono una vita sociale, formano una propria famiglia. Senza nemmeno mai dimenticare che la disabilità non è un evento eccezionale, riguardando milioni di persone e potendo interessare chiunque nel corso della propria vita.

Ma come trasmettere ai cittadini questa nuova cultura sulla disabilità? Utilizzando strumenti di grande impatto – come accennato inizialmente – quali lo sport, da una parte, l’espressione creativo-artistica, dall’altra, declinata sotto diversi aspetti, per coinvolgere ad esempio il vasto popolo dei visitatori-fruitori dei Centri Commerciali in occasioni di incontro a fianco di noti sportivi con e senza disabilità, ma anche consentendo loro di cimentarsi direttamente in discipline quali il sitting volley, il basket e il rugby in carrozzina, il tennis tavolo, le bocce, l’handbike, il tennis, la scherma, il calcio balilla, l’atletica, il calcetto, il tiro con l’arco, la scherma, la boccia, il pattinaggio, la canoa, il judo, il wheelchair hockey, il badminton, il canottaggio, il kart, il karate e altre ancora. Proponendo poi, su un altro versante, esibizioni musicali, rappresentazioni teatrali, mostre, laboratori creativi di fumetto, pittura e documenti in video.

I vari eventi hanno felicemente preso il via a inizio ottobre, in Toscana e nel Lazio, proseguendo in Piemonte, nel Veneto, in Emilia Romagna e in Lombardia, per arrivare ora – tra le altre sedi – anche in Campania, ovvero, come detto, sabato 28 e domenica 29 novembre al Centro Commerciale Le Porte di Napoli (Via Santa Maria La Nova, 1) di Afragola, con un programma quanto mai interessante, caratterizzato da un vero e proprio “trionfo di sport e inclusione”, ma anche da preziosi momenti di informazione e sensibilizzazione.

Interamente dedicati a numerose discipline sportive – aperte a persone con disabilità e non – saranno entrambi i pomeriggi (ore 16-19), a partire da sabato 28, con il CIP Campania (Comitato Italiano Paralimpico) a collaborare di volta in volta con l’Associazione Gladiatori del Terzo Tempo di San Mango Piemonte (Salerno), con l’Associazione Galleria Auchan di Mugnano di Napoli per il tennis tavolo e con l’Associazione Campania 90 di Casalnuovo di Napoli per lo showdown, disciplina affine al tennis tavolo, ma praticata da persone con disabilità visiva.

Domenica 29, poi, il CIP Campania sarà al fianco dell’Associazione Gabry Dance di Poggiomarino (Napoli) per la danza sportiva, delle Associazioni Virtus Casertana di Caserta e Noived di Napoli per la lotta sportiva e dell’Associazione Sitting Volley di Mondragone (Napoli) per il sitting volley.

Preziosa, come già nelle tappe di Happy Hand in Tour di Livorno e di Guidonia Montecelio (Roma), sarà anche la presenza, nel pomeriggio di sabato 28, del disegnatore Pietro Vanessi, coautore insieme a Tullio Boi del libro Disabill Kill. Sorridere nella disabilità: dalla A alla Z, che si metterà a disposizione di bimbi e adulti, con le sue “creazioni sul posto”.

E naturalmente, da ultimo, ma non certo ultimo, tutte le Associazioni coinvolte nell’evento (Gladiatori del Terzo Tempo, Galleria Auchan, Campania 90, AIPD Napoli-Associazione Italiana Persone Down, AISM Napoli-Associazione Italiana Sclerosi Multipla, ANIEP Caserta-Associazione Nazionale per la Promozione e la Difesa dei Diritti delle Persone Disabili, FIADDA Afragola-Nola-Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti delle Persone Audiolese, La Forza del Silenzio e UILDM Campania-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare, per il sabato. Gabry Dance, Virtus Casertana, Noived e Sitting Volley Mondragone, AIPD Caserta, AISM Napoli, ANIEP Caserta, FIADDA Afragola-Nola, Geppetto e Pinocchio di Santa Maria Capua Veter; Gli Amici di Eleonora; LPH Caserta-Teverola-Lega Problemi Handicappati e ItaliAccessibile per la domenica), così come Fish Campania e il CIP Campania allestiranno proprie postazioni in entrambe le giornate (sabato ore 11-18, domenica ore 15-19), distribuendo un ricco materiale informativo e proponendo anche immagini e filmati sulla disabilità.

Questo articolo è stato letto 4583volte!