Come scegliere le strutture ricettive accessibili. I consigli di Viaggiare Disabili

Come scegliere le strutture ricettive accessibili. I consigli di Viaggiare Disabili

18 Febbraio 2016 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 6069volte!

Viaggiare Disabili

Viaggiare Disabili

La ricerca della struttura accessibile è un momento importantissimo per chi, disabile, decide di andare in vacanza.
Generalmente, nei cataloghi delle agenzie di viaggio e dei tour operator trovate solo il simbolo della sedia a rotelle. Per molti questo disegnino vuol dire “accessibile”. In realtà non assicura che un hotel abbia un’accessibilità compatibile alle esigenze reali di chi viaggia con una disabilità.

Spesso anche chiamando la struttura non si riesce ad ottenere una risposta esaustiva, sul grado di accessibilità, perchè le persone che si trovano al desk non sono preparate e non conoscono quali sono le cose necessarie e come comunicarle.
A volte anche il cliente con disabilità non sa cosa chiedere, e si aspetta che il simbolino della sedia a rotelle corrisponda a tutto quello che ha bisogno, quasi come fosse a casa propria.
Diventa quindi difficile trovare la struttura giusta e di conseguenza decidere di andare in vacanza. Risultato: moltissimi persone con disabilità restano a casa e le vacanze non le fanno da anni.
E’ qui che entra in gioco il team del progetto Viaggiare Disabili dell’Associazione L’Ancora alla quale ItaliAccessibile da il suo appoggio. Un gruppo di persone eterogenee, educatori, volontari, agenti di viaggio e consulenti di viaggio, che possono aiutare il disabile a trovare la giusta struttura e a viaggiare senza problemi.
In quasi due anni di attività, il gruppo di volontari del Progetto Viaggiare Disabili, ha visitato oltre 200 strutture in Italia, catalogandone le caratteristiche per poter dare ai disabili la possibilità di scegliere dove andare in vacanza in base alle proprie necessità. Di ogni struttura, visitata sempre di persona e da disabili, è stata redatta una scheda tecnica che può rispondere alle mille domande che diventano necessarie per organizzare un viaggio “tranquillo”.
Strutture al mare, in montagna, in città d’arte. Bed & Breakfast, hotel di ogni categoria, appartamenti. Non ci sono limiti di soluzione. Anche nei trasporti.
Tutte le strutture accessibili visitate e che hanno deciso di aderire al progetto sono state inserite in un catalogo online raggiungibile attraverso il link http://catalogo.viaggiaredisabili.com
Sono state anche verificate le possibilità di diverse società di trasporto privato con mezzi attrezzati all’ancoraggio fino a 10 sedie a rotelle insieme.
Inoltre molte località mettono a disposizione dei clienti disabili diversi tipi di attività, anche sportive. A Bardonecchia, per esempio, come a Folgaria, ci sono scuole di sci specializzate, e durante l’estate percorsi sportivi per tutti, come la pesca nei torrenti.
E poi ci sono le tenute e le possibilità enogastronomiche, o le terme, in Italia, ma anche in Slovenia.
Perchè l’attività di Viaggiare Disabili non si è fermata all’Italia. In questi mesi sono stati aperti circoli anche in territorio europeo e sono state visitate strutture in Polonia, in Repubblica Ceca e, appunto in Slovenia.
Potete contattare il team del Progetto Viaggiare Disabili tramite la mail viaggiaredisabili@gmail.com oppure scrivere a italiAccessibile all’email italiaccessibile@gmail.com

Donazione

Aiutaci con una donazione a portare avanti progetti per l'accessibilità e turismo accessibile

Questo articolo è stato letto 6069volte!