Autonomy in off-road, le montagne Paralimpiche non hanno più Barriere

Autonomy in off-road, le montagne Paralimpiche non hanno più Barriere

21 Ottobre 2014 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 4298volte!

Sulle montagne Paralimpiche con i famosi 4×4 per un’avventura a stretto contatto con la natura, in uno degli scenari più suggestivi al mondo

jeep-autonomy-italiaccessibileSESTRIERE. Jeep colpisce ancora e con le sue inarrestabili Wrangler ora accompagna nove ragazzi diversamente abili “in un’avventura a stretto contatto con la natura, in uno degli scenari più suggestivi al mondo” come spiegano a Torino. L’idea è questa: al Sestriere – dietro casa per FCA – si svolgono le “Montagne Olimpiche e Paralimpiche Off Road”, ossia un’iniziativa che consente ad alcuni giovani diversamente abili di vivere un’avventura a stretto contatto con la natura nei luoghi dove si svolsero i Campionati del Mondo di Sci nel 1997 e alcune gare delle Olimpiadi Invernali nonché delle Paralimpiadi del 2006. Così attraverso il programma Autonomy (che fin dal 1995 realizza sia servizi sia mezzi di trasporto individuali e collettivi destinati a chi ha ridotte capacità motorie, favorendo in questo modo l’avvicinamento dei diversamente abili all’automobile) in collaborazione con il Freewhite Ski Team, “Montagne Olimpiche e Paralimpiche Off Road” coinvolge 9 giovani (di cui 3 ragazze) suddivisi in due gruppi, per provare le Jeep Wrangler messe a disposizione per l’occasione dal Mirafiori Motor Village di Torino: quattro vetture tra Sahara e Rubicon di cui una Unlimited. Marchio sinonimo di outdoor, Jeep ha una gamma completa di modelli 4×4 che consentono di intraprendere qualunque avventura nella massima libertà e sicurezza anche in montagna. “È infatti la montagna, più di ogni altro, il luogo in cui la tecnica e l’affidabilità di Wrangler – spiegano alla Jeep – permettono di affrontare i percorsi più difficili superando le situazioni di guida più impegnative. Esattamente quanto prevede “Montagne Olimpiche e Paralimpiche Off Road”, con l’accampamento nei pressi di un bosco nella Valle di Thures ed escursioni sui Monti della Luna, Valle Argentera, Val di Susa con i famosi itinerari del Col delle Finestre e della strada dell’Assietta. Condotta dal team di Freewhite, la carovana di Wrangler ha trasportato i nove ragazzi e tutte le attrezzature necessarie per il campeggio senza alcuna difficoltà. I giovani hanno così potuto affrontare in piena sicurezza, ma solo con lo stretto necessario, le difficoltà di allestire un campo, dormire in tenda e mangiare attorno a un fuoco. Inoltre, hanno anche potuto provare (con il supporto degli esperti del Freewhite Ski Team) le BuggyBike, agili quattroruote da discesa senza motore, appositamente progettate per il downhill di chi non ha la mobilità degli arti inferiori”.

(Fonte : La Repubblica – Motori del 20-10-2014)

[banner]

 

Questo articolo è stato letto 4298volte!