Siracusa ed il sud-est della Sicilia meta turistica e culturale per persone con esigenze speciali straniere

Siracusa ed il sud-est della Sicilia meta turistica e culturale per persone con esigenze speciali straniere

13 Maggio 2015 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 5515volte!

Siracusa continua a brillare come esempio di città turistica accessibile per viaggiatori con esigenze specifiche, grazie alla collaborazione dell’associazione “Sicilia Turismo per Tutti” con tutto il sud-est siciliano.

Turisti stranieri ciechi ed ipovedenti in visita in Sicilia

Turisti stranieri ciechi ed ipovedenti in visita in Sicilia

In occasione dei festeggiamenti per “Santa Lucia delle quaglie”, un gruppo di 30 turisti inglesi ciechi ed ipo-vedenti (organizzati dal tour operator Seable Tours) hanno avuto l’opportunità ed il tempo (il soggiorno è durato una settimana) di scoprire le principali località turistiche del sud-est (Noto, Marzamemi, Catania, spingendosi fino alle falde dell’Etna e della meravigliosa Taormina) per merito dell’opera di rete che la prof.ssa Bernadette Lo Bianco, unitamente all’associazione – che presiede – per la promozione del turismo accessibile (Sicilia Turismo per Tutti”), sta portando avanti nel nostro territorio.

Donazione

Aiutaci con una donazione a portare avanti progetti per l'accessibilità e turismo accessibile

I turisti inglesi hanno avuto la possibilità di inaugurare il nuovo percorso tattile sensoriale (dedicato a tutti) allestito presso il Museo del Papiro di Siracusa, il cui motto è: “vietato NON toccare”, e di scoprire i tesori dell’antico Egitto, “toccando” il papiro ed i modellini messi a disposizione dalla struttura, il tutto attraverso dei percorsi sensoriali all’essenza di gelsomino, studiati appositamente insieme all’associazione Sicilia Turismo per Tutti.

Il tour della città è poi proseguita nel centro storico di Siracusa.

Particolarmente emozionante è stata la visita del Duomo (le cui colonne greche sono state “percepite” in tutta la loro maestosità) e della Chiesa di Santa Lucia alla Badia all’interno della quale i turisti inglesi hanno avuto la possibilità di “ammirare” con le mani il simulacro della Santa attraverso la manipolazione di una sua miniatura.

Per i non vendenti, infatti, è fondamentale poter “toccare” gli oggetti – sempre nel rispetto dell’opera esposta – in quanto ogni sfumatura tattile arricchisce il loro bagaglio cognitivo ed estetico.

Sicilia Turismo per Tutti, quindi, si propone di sensibilizzare gli operatori del settore turistico e culturale ad implementare nelle proprie strutture i percorsi tattili e sensoriali.

La visita della città si è concluso al Parco Archeologico dove i profumi e le essenze di questo luogo magico hanno immerso i turisti ciechi inglesi in un’atmosfera davvero unica.

I continui arrivi di turisti con esigenze speciali confermano il dato positivo della passata stagione: la capacità di Siracusa di essere accanto alle esigenze di tutti i turisti e di saper portare avanti un progetto turistico e culturale che la identifica come realtà aperta, inclusiva ed in grado di garantire una qualità di un’offerta davvero “per tutti”.

Questo articolo è stato letto 5515volte!