ALAB per il sociale, laboratori creativi per allievi autistici, Muratore: ‘Speriamo di riprendere al più presto’

ALAB per il sociale, laboratori creativi per allievi autistici, Muratore: ‘Speriamo di riprendere al più presto’

13 Ottobre 2022 0 Di Sabrina Longi
Tempo di lettura: 2 Minuti

Questo articolo è stato letto 864volte!

“L’associazione ALAB non trascura l’attività sociale. Sono stati, infatti, numerosi i laboratori attivati per lo svolgimento di corsi a titolo gratuito per gli studenti autistici dell’istituto Regina Margherita”, ad affermarlo Pietro Muratore, presidente dell’associazione A.L.A.B. (Associazione Liberi Artigiani-Artisti Balarm) di Palermo per raccontare il progetto “I LOVE LAB”. realizzato in collaborazione con l’Istituto Magistrale Statale “Regina Margherita” ed avviato per la prima volta nell’anno scolastico 2018-2019, che è riuscito a coinvolgere fino a 50 allievi autistici dell’Istituto in attività di laboratorio artistico-artigianali di riciclo, ceramica, argilla, sartoria, lavorazione del cuoio e stampa 3D. Il progetto, a causa della pandemia, ha subito un brusco stop, ma non è escluso che potrà ripartire.

Arte, creatività, manualità e attività pratica rappresentano dei tasselli molto importanti per lo sviluppo e la stimolazione di tutte quelle abilità che, nella persona autistica, si traducono in benefici psico-fisici e relazionali. Proprio per tali finalità è nato il progetto “I LOVE LAB”, un’iniziativa partecipata che merita di ripartire: “Per almeno quattro anni abbiamo stipulato una convenzione con l’Istituto Regina Margherita per organizzare laboratori artigianali gratuiti riservati agli alunni/e autistici/che – ha affermato Pietro Muratore – ed attualmente stiamo lavorando con un ragazzo, ma abbiamo seguito anche 50 allievi negli anni scorsi.

Le attività, supportate dai docenti Rosalia Agnello, Claudia Di Bella, Simona Giorlando, Magda Pignataro e Rosanna Romano, hanno sortito l’effetto che gli organizzatori avevano sperato e la risposta da parte degli allievi è stata molto positiva: “I laboratori attivati sono stati 8 – ha spiegato Muratore – della durata di 20 ore ciascuno e destinati agli allievi prevalentemente delle classi III, IV e V, progettati da me unitamente alla docente ed educatrice Adriana Ciaravella e realizzati in base alle preferenze e alle attitudini degli allievi coinvolti che, per tale fine, sono stati suddivisi per tipologia di attività artigianale. È stata un’ottima esperienza, anche perché, lasciando i ragazzi liberi di esprimersi, gli stessi ci hanno dato fiducia e hanno lavorato molto bene. Il nostro obiettivo era, ed è ancora, quello di creare un laboratorio totalmente gestito da loro – ha concluso Muratore – e c’eravamo vicini, ma il sopraggiungere della pandemia ha bloccato tutto. Spero che potremo riprendere al più presto possibile perché vederli lavorare autonomamente potrebbe rappresentare una perla rara per tutto il Circuito ALAB”.

Per conoscere ALAB basta collegarsi al sito https://www.alabpalermo.it/

Pagina relativa al progetto: https://www.alabpalermo.it/alab-nel-sociale/

Questo articolo è stato letto 864volte!