5 maggio Seconda Giornata Europea per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità

5 maggio Seconda Giornata Europea per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità

4 Maggio 2015 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 3736volte!

“Protagonisti Noi” si chiamerà così il principale evento promosso nel nostro Paese in occasione del 5 maggio, Seconda Giornata Europea per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità.

giornata-europea-disabilita-600x330«Quella del 5 maggio – sottolinea Silvia Cutrera, presidente dell’AVI di Roma (Agenzia per la Vita Indipendente) – che dallo scorso anno è la Giornata Europea per la Vita Indipendente delle Persone con Disabilità, è una data che tutti noi dovremmo annotare sul calendario. Ancora una volta, infatti, si tratterà di un’opportunità utile a rivendicare il riconoscimento dei diritti umani per tutti e a sensibilizzare sulla Vita Indipendente, uno strumento per la diffusione delle nostre idee in tutta Europa, consentendoci di far sentire la nostra voce».
«Per altro – aggiunge Cutrera – non si può certo dire che dallo scorso anno la situazione delle persone con disabilità che vivono nell’Unione Europea sia migliorata.

Purtroppo, siamo ancora di fronte a tagli significativi e ad ostacoli per la Vita Indipendente e l’inclusione sociale. Ma proprio per questo è essenziale promuovere iniziative volte a migliorare i sistemi che disciplinano la nostra vita e con essa le nostre condizioni di vita».

Donazione

Aiutaci con una donazione a portare avanti progetti per l'accessibilità e turismo accessibile

Ben quattordici Paesi del Vecchio Continente sono stati coinvolti nel 2014 in una serie di iniziative, che hanno visto la partecipazione di numerose Associazioni: cortei organizzati in Belgio; un flash mob all’Aeroporto di Sofia in Bulgaria, durante il quale il messaggio lanciato è stato la “voglia di emigrare” in un Paese con migliori condizioni di vita per le persone con disabilità; una giornata in Estonia trascorsa dai candidati al Parlamento Europeo insieme a una persona con disabilità, per comprenderne le esigenze quotidiane; manifestazioni di protesta a Berlino e Stoccolma; varie mostre fotografiche e convegni, come quello di Roma sui tagli all’assistenza, cui a suo tempo abbiamo dedicato ampio spazio. Il tutto con una certa risonanza negli organi d’informazione, grazie anche al “tam tam” dei social media. L’auspicio, naturalmente, è che quest’anno l’impatto sia ancora maggiore.

Da parte nostra, dopo avere dato ben volentieri spazio nei giorni scorsi al documento prodotto per l’occasione da ENIL Italia (European Independent Living), segnaliamo il principale evento pubblico promosso nel nostro Paese per il 5 maggio di quest’anno, vale a dire l’incontro intitolato Protagonisti Noi, in programma a Roma presso la Sala Tirreno della Regione Lazio (Via Rosa Raimondi Garibaldi, 5, ore 15.30), a cura dell’AVI di Roma e della FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), in collaborazione con ENIL Europa ed ENIL Italia.
«Cambiare paradigma nella considerazione delle persone con disabilità – dichiara Dino Barlaam, presidente della FISH Lazio – è un passaggio fondamentale, che non può prescindere dall’applicazione dell’articolo 19 [“Vita indipendente ed inclusione nella società”, N.d.R.] della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. Vivere indipendentemente rappresenta infatti la nuova frontiera da cui le politiche sociali dovrebbero partire, per riconoscere alle persone con disabilità il diritto di vivere come tutti gli altri, liberamente». «Nello specifico dell’incontro di Roma – aggiunge – affronteremo in particolare il tema della domiciliarità e quello del contrasto all’istituzionalizzazione, con uno sguardo attento alle linee guida sull’assistenza domiciliare della Regione Lazio e anche ai progetti sperimentali avviati in questo settore dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali».

Introdotta dallo stesso Barlaam, la conferenza prevede gli interventi di Alfredo Ferrante del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di Rita Visini, assessore alle Politiche Sociali della Regione Lazio, di Francesca Danese, assessore alle Politiche Sociali di Roma Capitale, di Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH e della citata Silvia Cutrera.
Sono inoltre stati invitati il presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute della Regione Lazio Rodolfo Lena, insieme a Marta Bonafoni e Davide Barillari, componenti della stessa, oltre a Erica Battaglia, presidente della Commissione Politiche Sociali di Roma Capitale.
Quanto mai prezioso, infine, sarà anche il collegamento con Jamie Bolling, presidente di ENIL Europa. (S.B.)

(Fonte : Superando.it)

Questo articolo è stato letto 3736volte!