CHIETI: EVENTO ZERO GLUTINE, ZERO ACCESSIBILITA PER DISABILI”

CHIETI: EVENTO ZERO GLUTINE, ZERO ACCESSIBILITA PER DISABILI”

8 Settembre 2014 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 4023volte!

carrozzine-determinate-abbruzzo-italiaccessibileCHIETI -” Zero considerazione per i disabil!” è questa l’accusa di Claudio Ferrante, presidente della sezione abruzzese dell’associazione Carrozzine determinate, agli organizzatori dell’evento ‘Zero Glutine’, che si è tenuto a Chieti negli spazi espostivi della Camera di Commercio.

“Peccato però, che nessuno abbia curato l’accessibilità – lamenta Ferrante – Ancora una volta dobbiamo denunciare discriminazione e violazione dei diritti fondamentali dell’uomo”.

Giulia Sidoni, rappresentante dell’Associazione Carrozzine Determinate, ha denunciato questa discriminazione. Era andata personalmente a visitare la Fiera, interessata su questo problema di intolleranza alimentare che colpisce moltissime persone e si è trovata una situazione allucinante.

Donazione

Aiutaci con una donazione a portare avanti progetti per l'accessibilità e turismo accessibile

Per poter visitare la Fiera, le persone con disabilità hanno dovuto parcheggiare la macchina fuori dai cancelli della Camera di Commercio perchè i parcheggi riservati erano molto distanti dal luogo dell’evento.

Mancava lo scivolo diretto per l’ingresso principale.

Dopo aver protestato, anche con la vigilanza, hanno aperto un cancello che era chiuso a chiave, ma che accede agli uffici, (non alla fiera!) da qui percorrere centinaia di metri per poter arrivare all’esposizione.

Una vera e propria gimkana non molto piacevole da percorrere, con le difficoltà che comporta, per una persona in carrozzina.

Tutto questo non sarebbe accaduto se avessero costruito un semplice scivolo in legno o in ferro dal costo irrisorio, e avessero creato alcuni parcheggi riservati all’ingresso della fiera.

Non pensare all’accessibilità di un evento significa limitare la libertà, l’autonomia, l’indipendenza, le pari opportunità.

“Siamo davvero indignati”, afferma la Sidoni, “perché ci siamo resi conto che la battaglia per l’abbattimento delle barriere culturali è più difficile del previsto!”

[banner]

 

Questo articolo è stato letto 4023volte!