Basket disabili CUS Padova: 2 carrozzine finanziate con il crowdfunding Triboom

Basket disabili CUS Padova: 2 carrozzine finanziate con il crowdfunding Triboom

4 Febbraio 2016 0 Di Redazione di italiAccessibile

Questo articolo è stato letto 4557volte!

Consegna raccolta fondi-cus-padova-basket-carrozzina

Consegna raccolta fondi-cus-padova-basket-carrozzina

È partita come una scommessa ma in poco meno di due mesi ha ottenuto il risultato sperato: la campagna di crowdfunding della squadra di basket in carrozzina del CUS Padova, organizzata dalla piattaforma on line Triboom, ha superato i 5.000 € necessari per l’acquisto di due nuove carrozzine e di altre attrezzature specifiche.

148 sono stati i donatori che hanno aderito a “Dream Big” – questo il nome della campagna – che con un piccolo contributo hanno sostenuto la causa del Cus Padova ricevendo in cambio regali dagli atleti e “cimeli” autografati dai campioni di Serie A.
Chi contribuiva, infatti, poteva ricevere in dono scarpe, canotte e altro materiale donato dal padovano Andrea De Nicolao, playmaker della squadra di Serie A Grissin Bon Reggio Emilia e dai suoi compagni di squadra Pietro Aradori, Rimantas Kaukenas, Achille Polonara e Darjus Lavrinovic.
“Vogliamo ringraziare di cuore tutti coloro che hanno contribuito alla raccolta fondi: le carrozzine sportive che utilizziamo per giocare sono molto costose ed hanno bisogno di una continua manutenzione – ha commentato raggiante Chiara Coltri, capitano della squadra e della Nazionale Italiana Femminile – Grazie a questa somma potremmo acquistarne di nuove e permettere a tutti i nostri atleti, anche a quelli alla prima esperienza, di avere tutte le attrezzature necessarie per svolgere l’attività agonistica”. 

La campagna di crowdfunding, lanciata i primi di dicembre, ha trovato il supporto anche dell’università degli Studi di Padova che, attraverso la voce del Magnifico Rettore Rosario Rizzuto, ha sostenuto la causa del Cus Padova Basket in carrozzina.

Donazione

Aiutaci con una donazione a portare avanti progetti per l'accessibilità e turismo accessibile

Questo articolo è stato letto 4557volte!