Trani, rubato furgoncino di proprietà dell’associazione Oltre Sport. Grande: ‘Dentro ci sono i nostri sacrifici’

Trani, rubato furgoncino di proprietà dell’associazione Oltre Sport. Grande: ‘Dentro ci sono i nostri sacrifici’

11 Maggio 2021 0 Di Sabrina Longi
Tempo di lettura: 1 Minuto

Questo articolo è stato letto 723volte!

È stato rubato nella notte scorsa, a Trani, il furgoncino dell’associazione “Oltre Sport”, realtà che da anni si occupa della pratica e della diffusione dei valori dello sport inclusivo e accessibile a tutte e tutti. Il furto si è verificato in prossimità della chiesa dei “Santi Angeli Custodi” ed è stato appurato e tempestivamente denunciato nella mattinata di oggi, 11 maggio.

Il mezzo, infatti, avrebbe dovuto trasportare la Nazionale Italiana di calcio in carrozzina a Jesolo per la sessione di ritiro in vista delle Nazionali dei Powerchair Sport che si disputeranno dal 13 al 16 maggio prossimi.

A denunciare il reato, non solo alcuni rappresentanti dell’associazione, ma anche Donato Grande, capitano della squadra azzurra di Powerchair football e tesserato della Oltre Sport, recentemente salito sul palco dell’Ariston di Sanremo a titolo di rappresentante degli sport in carrozzina: “Stanotte hanno rubato il nostro furgone pronto a partire per il ritiro della nazionale italiana di calcio in carrozzina a Jesolo. Al suo interno ci sono le nostre carrozzine da gioco, le attrezzature e soprattutto i nostri sogni e sacrifici. Vi prego condividete e aiutateci a ritrovarlo“.

Tanti gli amici e i sostenitori dell’associazione che, in queste ore, si stanno movimentando per ritrovare il furgoncino o per sensibilizzare chi ha commesso questo gesto vile e deplorevole a restituirlo ai legittimi proprietari.  Un’amara sorpresa che, oggi più di ieri, invita a non perdere di vista l’importanza del rispetto nei confronti delle persone con disabilità e ridurre ai minimi termini tali episodi. I Carabinieri, intanto, sono al vaglio delle dinamiche di quanto accaduto e stanno procedendo alle indagini per individuare sia il furgoncino che i relativi colpevoli.

In attesa di far chiarezza, il presidente dell’associazione Oltre Sport, Sante Varnavà ha rinvolto tramite mezzo stampa un accorato appello rivolto ai responsabili di questo gesto, affinché possano mettersi una mano sulla coscienza e restituire il furgoncino e quanto contenuto al suo interno ai suoi proprietari, per permettere agli atleti impegnati nelle gare di partire e non perdere questa importante opportunità.

Questo articolo è stato letto 723volte!