Carrozzina per lavorare nei campi
Carrozzina per lavorare nei campi

Si chiama Libera ed è una sorta di carrozzina a trazione elettrica, messa a punto dal Crea, il più importante ente italiano di ricerca sull’agroalimentare, che permette anche a chi non può usare le gambe di spostarsi liberamente per accedere ai campi coltivati e svolgere attività agricole come il monitoraggio delle colture, la
partecipazione attiva alle operazioni di raccolta, controllo e coordinamento tecnico-logistico.

Libera è uno dei risultati del Progetto Amadi (Automazione Macchine Agricole per Disabili), promosso e finanziato dal Mipaaf proprio per facilitare l’inserimento lavorativo nel settore agricolo di persone con disabilità.

Le attività del progetto coordinati da Giuliano Colorio e da Carlo Bisaglia sono state affidate al Crea-Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari in collaborazione con Unacoma (Unione Nazionale Costruttori Macchine Agricole), Enama (Ente Nazionale per la Meccanizzazione Agricola) e Fish (Federazione Italiana Superamento Handicap), mentre Cnh (gruppo Fiat), Landini e Same hanno messo a disposizione le trattrici, in quanto uno degli obiettivi di Amadi era proprio quello individuare e sperimentare le modifiche e gli adattamenti da apportare a queste macchine per poterle far condurre da persone con disabilità.

Libera è un veicolo monoposto semovente a trazione elettrica, caratterizzato da uno specifico telaio aperto anteriormente per facilitare l’accesso al posto di guida dell’operatore disabile in totale autonomia. E’ stata pensata per ospitare a bordo la sedia a rotelle dello stesso operatore, il quale, in caso di necessità potrà usufruirne liberamente appunto e in totale autonomia: un importante fattore di serenità per il disabile che, così, non si separa mai dall’ausilio di locomozione. Inoltre, è equipaggiata con due ruote direzionali anteriorie una coppia di ruote motrici posteriori, dotate queste ultime, di pneumatici già in uso per piccole
trattrici agricole. La guida è resa più agevole grazie al joystick, mentre gli standard di sicurezza al ribaltamento sono garantiti da un opportuno dimensionamento di carreggiata e baricentro del mezzo.
Insomma, l’innovazione fa un passo concreto verso la piena inclusione delle persone con disabilità, anche in agricoltura.

Di Redazione di italiAccessibile

Responsabile del blog Pierpaolo Capozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content