Bologna Diritti dei disabili Home page ItaliAccessibile Notizie Notizie dalle Associazioni Partner Welfare

“Bologna si prende cura” dal 28 febbraio al 2 marzo i giorni dedicati al welfare cittadino

Questo articolo è stato letto 3793volte!

Raccontare la qualità del  welfare, sociale, sanitario, educativo, abitativo e culturale, la sua storia e le prospettive. E’ questa l’idea al centro di “Bologna si prende cura. I tre giorni del welfare” dal 28 febbraio al 2 marzo.

Tre giornate per toccare con mano i servizi, le buone prassi, i progetti, promossi dal Comune di Bologna in sinergia con le istituzioni e gli attori sociali del territorio.
In programma oltre 50 eventi tra convegni con ospiti internazionali, seminari e workshop, mostre, spettacoli, proiezioni, passeggiate di quartiere, laboratori con i cittadini.

“Bologna si prende cura – I tre giorni del welfare” sarà presente in città in diversi luoghi e tutti gli appuntamenti sono aperti alla cittadinanza, ai professionisti e a ingresso gratuito. Nell’aula magna di Santa Lucia dell’Alma Mater Studiorum- Università di Bologna, nella sala dello Stabat Mater della biblioteca dell’Archiginnasio e a Palazzo d’Accursio sarà possibile partecipare a convegni di carattere scientifico e divulgativo sugli strumenti più evoluti per la pianificazione di politiche socio-sanitarie: dalle mappe di fragilità, all’epigenetica, ai modelli di welfare.
Apertura il 28 febbraio con un appuntamento di carattere internazionale nell’aula magna di Santa Lucia: l’epidemiologo Michael Marmot, il sociologo Mauro Magatti e l’economista Luigino Bruni ragioneranno, dai rispettivi punti di vista, sul tema della lotta alle diseguaglianze; nel pomeriggio alla sala Stabat Mater dell’Archiginnasio spazio agli amministratori che nelle città italiane si trovano ad affrontare la sfida di innovare il welfare. Si confronteranno gli assessori di cinque grandi città capoluogo di regione che sono anche Città Metropolitane: Bologna, Torino, Milano, Napoli e Cagliari.

A Palazzo Re Enzo sarà in esposizione la mostra “1919-2019 Bologna, cento anni di welfare“, che racconta un secolo di welfare bolognese dal Sindaco Francesco Zanardi alle Case della Salute. Mentre gli operatori dei servizi animeranno il Salone del Podestà portando le loro competenze e saperi e incontrando la cittadinanza per diffondere al massimo la conoscenza dei servizi, da quelli più tradizionali a quelli più innovativi in tema di politiche abitative, accoglienza, scuola, sanità. Qui, durante le tre giornate, si svolgeranno workshop e si potranno visitare venti spazi allestiti sui temi della promozione della salute e della prevenzione, sui corretti stili di vita, sull’inclusione, il lavoro, il supporto alla fragilità, l’accoglienza dei migranti e la non autosufficienza.
Sarà allestita inoltre anche una grande emeroteca delle riviste italiane sociali e sociosanitarie. Sempre in tema di documentazione sono state coinvolte anche alcune librerie del centro città che organizzeranno esposizioni di volumi su: “letteratura moderna, emarginazione, differenze”, “migrazioni a 360°”, “il volontariato nel terzo settore”, “letteratura per l’infanzia, diversità, malattia, emarginazione, intercultura”.

Salaborsa sarà il quartier generale delle associazioni che, assieme alle istituzioni danno quotidianamente corpo e gambe ai servizi, costituendone una preziosa trama sociale.

Ma il welfare arriverà anche sul grande schermo con una serie di proiezioni dedicate nell’ambito del festival Visioni italiane in programma al Cinema Lumière – Cineteca di Bologna .

La manifestazione si snoderà anche nei quartieri dove sarà possibile partecipare, sabato 2 marzo, a specifici trekking nei luoghi simbolici del welfare bolognese.

Un momento assolutamente speciale è “Replay, Bologna 6 agosto 2018, autonarrazione di un soccorso” previsto sabato 2 marzo alle 17 nell’Aula Magna di Santa Lucia. Si tratta di un racconto guidato da Matteo Belli che offrirà la possibilità di ascoltare, dalla voce dei diretti protagonisti, come ha funzionato la catena dei soccorsi a Borgo Panigale, lo scorso 6 agosto, dopo l’esplosione dell’autocisterna avvenuta in autostrada.

I tre giorni del welfare potranno contare sulla mediapartnership di Psicoradio e di Lepida TV che avranno un loro “speach corner” a Palazzo Re Enzo.

L’ingresso a tutte le iniziative è libero, nel limite dei posti disponibili. E’ possibile prenotarsi attraverso l’apposito form

Questo articolo è stato letto 3793volte!

Biografia autore

Redazione di italiAccessibile

Redazione di italiAccessibile

Responsabile del blog Pierpaolo Capozzi

Dimensione carattere
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: