close

Questo articolo è già stato letto 2134volte!

Torino + Cultura Accessibile

Quello che è stato fatto e quello che vorremo fare

torino+cultura accessibile-italiaccessibileTorino + Cultura Accessibile ha inziato il suo percorso proponendo una serie di eventi legati alla resa accessibile di Cinema e Teatro da parte di coloro che hanno deficit uditivi e visivi.

Il progetto è stato ideato e realizzato dalla Fondazione Carlo Molo onlus di Torino in occasione dei suoi 15 anni di attività. Ad esso hanno aderito le istituzioni pubbliche (Città di Torino , Regione Piemonte e Provincia di Torino) in collaborazione tra gli altri con: Torino Film Festival, Museo Nazionale del Cinema, Fondazione Teatro Stabile di Torino.

Il progetto nasce dalla convinzione che la cultura debba essere anche un mezzo d’inclusione sociale, e che quindi sia necessario aderire con determinazione alla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, promulgata dall’ONU nel 2006, e ratificata dall’Italia nel 2009, che “riconosce il diritto delle persone con disabilità a prendere parte su base di eguaglianza con gli altri alla vita culturale e invita a prendere tutte le misure appropriate per assicurare che le persone con disabilità godano dell’accesso a programmi televisivi, film, teatro e altre attività culturali, in forme accessibili”.

Torino + Cultura Accessibile vuole in questo senso segnare un “CAMBIO DI PASSO” e incentivare un cambiamento culturale che generi profondi mutamenti dei modelli organizzativi e gestionali, ancor prima che strutturali, in un’ottica volta a garantire la piena inclusione e partecipazione alle attività culturali di tutti e di ciascuno, indipendentemente dalle specifiche esigenze e abilità.

 

Gli eventi principali della prima stagione di “Torino + Cultura Accessibile” sono stati:

1) la resa accessibile del film esordio alla regia di Claudio Amendola “La Mossa del Pinguino” presentato alla recente edizione del Torino Film Festival (novembre 2013). La direzione del Torino Film Festival ha aderito con entusiasmo al progetto che ha portato oltre 80 persone disabili alla proiezione al Cinema Massimo, raggiungendo la totale inclusione dei presenti.

La casa di produzione e distribuzione del film ha inserito la resa accessibile nell’homevideo in uscita a luglio.

La resa accessibile (sottotitolazione facilitata e audiodescrizione in cuffia) è stata realizzata da Sub-ti Access, Roma, partner dell’intero progetto.

2) Resa accessibile in 5 repliche dello spettacolo teatrale “Gl’Innamorati” di Carlo Goldoni messo in scena dalla Compagnia Il Mulino di Amleto, (Teatro Gobetti metà febbraio 2014). Lo spettacolo è stato scelto dalla direzione artistica della Fondazione Teatro Stabile di Torino ed era a tutti gli effetti inserito nel cartellone della stagione teatrale 2013/2014.

Le 5 repliche hanno visto un’affluenza di oltre 60 persone, senza posti riservati e senza repliche dedicate.

3) è stata promossa una Giornata di Studio dal titolo Cinema Arte Teatro. Un futuro sempre più accessibile? Torino, l’Europa e oltre (Centro Incontri Regione Piemonte – 6 marzo 2014) che ha visto oltre 100 partecipanti tra: operatori del settore cultura, organizzatori del mondo dello spettacolo, mondo accademico e del volontariato.

Tra i relatori Pilar Orero docente dell’ Universitat Autonoma de Barcelona / membro dell’ ITU-T (International Telecommunication Union – Settore Standardizzazione) delle Nazioni Unite ha esaminato la Legislazione e i fondi europei per l’accessibilità, con particolare riferimento ai lavori in corso il Europa e Inghilterra (paese guida e all’avanguardia nella produzione della resa accesisbile); mentre l’altro ospite straniero:Pablo Romero Fresco, docente alla Roehampton University di Londra, ha illustrato i nuovi percorsi in merito alla formazione di figure specializzate nella produzione della resa accessibile, e tra queste quella del “Accessibility Filmmaker” figura, che lavorando accanto al regista in fase di lavorazione suggerisce e completa la regia per rendere “fliuda” la realizazione della resa accessibile.

[banner]

 

Torino + Cultura Accessibile 2014/2015

L’esperienza dello scorso anno, il positivo riscontro da parte dei partner istituzionali, culturali e dell’associazionismo, e l’analisi delle problematiche emerse, ha spinto la Fondazione Carlo Molo onlus, che mantiene il ruolo di promotore e coordinamento del progetto, a ipotizzare alcune linee guida per il prossimo anno:

1) mettere a sistema la resa accessibile, vale a dire promuovere attraverso gli enti pubblici coinvolti nei consigli di amministrazione degli enti culturali, la destinazione di parte dei budget alla produzione dell’accessibilità

2) promuovere una campagna di sensibilizzazione e di informazione volta ad ampliare il bacino di utenza al di fuori dell’associazionismo di riferimento

3) per quanto riguarda specificamente il cinema, attivare una stretta collaborazione con Film Commission Piemonte (e nazionale) per mettere a sistema la resa accessibile di parte delle produzioni che verranno attivate. Per fare ciò Film Commission si è già resa disponibile a includere la resa accessibile negli accordi che prenderà con alcune produzioni previste nella prossima stagione.

4) agire sulla formazione istituendo un corso formativo universitario realizzato in convenzione tra Università di Torino e Università di Macerata.

5) promuovere una campagna di supporto presso gli enti nazionali e regionali che a vario titolo si occupano di organizzazione dello spettacolo, per far sì che l’esperienza di Torino si allarghi sul territorio nazionale.

6) attivare un sito dedicato in cui far confluire tutte le esperienze produttive che si muovono secondo i presupposti programmatici di Torino + Cultura Accessibile per diffondere informazioni e promuovere scambi

7) incidere a livello di comunicazione con i mass media, per incrementare la diffusione della comunicazione e soprattutto per educare i professionisti di settore alla necessità di un cambio di visione e di percezione della disabilità e conseguentemente della resa accessibile, affinchè questa possa essere vissuta dai differenti attori, come una “norma” e non come un’eccezione.

Torino + Cultura Accessibile è Partner di ItaliAccessibile

Torino + Cultura Accessibile

pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Torino-Cultura-Accessibile/528919187187402?sk=info

Fondazione Carlo Molo onlus

Via della Rocca 24bis, 10124 Torino

011 817 0218
progetti@fondazionecarlomolo.it
http://www.fondazionecarlomolo.it/

Questo articolo è già stato letto 2134volte!

Tags : Torino + Cultura Accessibile - Partner ItaliAccessibile
Redazione di italiAccessibile

The author Redazione di italiAccessibile

Responsabile del blog Pierpaolo Capozzi
Translate »