ItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibile Privacy Policy
close

Spiagge accessibili a disabili

Spiagge accessibili a disabili

Turismo Accessibile

Rosolina e Porto Tolle: Turismo sociale ed inclusivo nelle spiagge venete

spiagge-venete-accessibili

Turismo sociale e inclusivo nelle spiagge venete. Con una conferenza alla quale hanno partecipato il sindaco di Rosolina, Franco Vitale, Maria Chiara Paparella dell’Ulss 5, il direttore dei servizi socio sanitari, Urbano Brazzale, e il direttore generale dell’Ulss 5, Antonio Fernando Compostella, è stato presentato il progetto “Turismo sociale ed inclusivo nelle spiagge venete”, partito lo scorso autunno, promosso dall’assessorato regionale al turismo.

Obiettivo del progetto, la costruzione di una rete integrata tra tutte le risorse esistenti nell’area turistica finalizzata alla massima accoglienza ed inclusione e far diventare le spiagge del litorale “Veneto Inclusive”, un punto d’attrazione per il turismo internazionale.

Il progetto è stato finanziato con 650mila euro, è stato pensato per rendere accessibili e fruibili da tutti gli stabilimenti balneari con particolare attenzione alle disabilità, motorie e/o sensoriali, attraverso spiagge e percorsi attrezzati, segnaletica per non vedenti .Per fare questo è stato necessario formare gli operatori creando una cultura di inclusione sociale e  un team dell’accoglienza composto da personale specializzato.

In questo progetto, per quanto riguarda il tratto balneare polesano, sono state interessati i comuni di Rosolina e Porto Tolle, con tutti i 18 stabilimenti presenti su questo tratto di costa.

Leggi tutto
AccessibilitàEsperienze Accessibili di Maria StellaHome pageItaliAccessibile NotizieLecceMelendugnoPugliaSalentoSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Esperienze Accessibili sul litorale di San Foca (Le). Spiaggie accessibili nel Salento

accesso-spiaggia-san-foca-mare-italiaccessibile

di Maria Stella Falco

Spiaggia Accessibile San Foca (Le)

Nel precedente fine settimana, insieme alla mia famiglia, ho trascorso  due giorni tra San Foca e Torre dell’Orso (Lecce).  Prima di “partire”, che è una “parolona” dato che ci siamo spostati solo pochi chilometri, mi sono messa in contatto con i responsabili di “Viaggiare disabili”: per capire se, già da subito,  avrei potuto segnalare qualche struttura accessibile (l’albergo, ho pensato)!

Giunti a San Foca, prima di arrivare in albergo, però, ci siamo “imbattuti” in una realtà accessibile di cui avevo solo letto qualcosa e scritto, proprio per ItaliAccessibile, qualche rigo in un mio precedente articolo sulle spiagge libere e attrezzate nel Salento.

Ricordo di aver visto il mare e una barriera “sali-scendi” di quelle che si usano per regolare l’entrata-uscita delle auto da determinate zone (parcheggi, in questo caso).  Ho intuito di essere vicino a una spiaggia, a uno stabilimento, proprio mentre i miei famigliari cercavano di scoprire dove avremmo potuto trascorrere qualche ora al mare, prima di andare in albergo!

C’erano un po’ di scale qua e là lungo il litorale ma poi ho potuto scorgere anche  “un accesso accessibile”. Poco prima dell’entrata accessibile era posizionato un cartello: “Tutti al mare”. “Bello, mamma, questa spiaggia deve essere stata attrezzata grazie a qualche progetto di cui ho scritto per il blog! Chiedete conferma! Poi scenderò pure io dalla macchina, per andare a mare!”. “Però per raggiungere il bagnasciuga useremo la sedia, siccome non sappiamo quanto c’è da percorrere”!

Spiaggia Accessibile San Foca (Le)

Per farla breve, ci trovavamo sul Lungomare Matteotti, 57, a San Foca, una delle marine di Melengugno (Lecce), nei pressi di una spiaggia libera, gratuita e attrezzata, voluta, progettata e realizzata,  in tempi record, da Gaetano Fuso. Gaetano è stato sostenuto dal gruppo di amici  “Pazzi per Gaetano”;  dalla giovane Associazione “2HE” di Calmiera (il cui motto è “Io posso”) e di un’importante campagna di raccolta fondi (bellissimi tutti i gadget, io ho comprato una maglietta!).

Al lato di una pedana, su cui è possibile muoversi con ausili o mezzo motorizzato, sono disposti, sempre su spazio accessibile, tutti i servizi in favore di chi può averne bisogno: spazio accoglienza, infermeria, toilette; sei postazioni mare e/o relax – con lettino , sedia, ombrelloni.

Io ho scelto di non usare le postazioni attrezzate ma di dirigermi, con l’aiuto dei miei e del personale, verso il mare, per lasciare il posto a chi poteva avere più necessità di me!

“Gaetano voleva avere la possibilità di vedere i suoi figli al mare, per essendo stato colpito dalla SLA da due anni. Ha dato la possibilità a tante persone di vivere il mare con la propria famiglia … Merito della collaborazione fruttuosa tra “privati” e del Comune che ha sbrigato in tempi record la varia burocrazia per le concessioni”.

Poco prima il Responsabile – a cui ho anche parlato un po’ del progetto “Viaggiare disabili” –  mi aveva fatto presente che la spiaggia accoglie tutti, tante persone”. “Ho letto qualche parere: qualcuno ritiene che questo posto sia una “zona” solo per malati di SLA!” “No, si dovranno fare prossimi adeguamenti per migliorare ulteriormente l’accessibilità del luogo, ma così come è stato pensato e realizzato, il luogo è pronto ad accogliere tante persone, disabili e non disabili, con questa piuttosto che quella necessità particolare”.

Durante le due lunghe mattinate passate in spiaggia a San Foca ne ho avuto conferma:  il personale è disponibile con tutti; aiuta tutti a vivere “un’esperienza piena” che arricchisce quella “vita piena” che tutti hanno il diritto di vivere, di godere. “Voglio vivere una vita piena” è pure il mio motto, da sempre, soprattutto da quando ho ripreso in mano la mia vita!                             

Facendo il bagno o prendendo il sole, ho visto molte persone, accompagnate da personale specializzato, entrare in acqua con la sedia job. Il tempo meteorologico ci ha regalato belle giornate in cui è stato possibile garantire l’accesso in acqua con la sedia job (quando il vento è forte – mi ha spiegato il bagnino – è sconsigliato permettere l’accesso con la sedia job, per sicurezza).

Il primo giorno, come ho scritto, ho raggiunto il bagnasciuga con la sedia a rotelle; il secondo giorno, invece, l’ho raggiunto con i miei tripodi; per la prima volta in vita mia ho fatto una foto, in piedi con i tripodi, vicino al mare (di solito, in tutte le foto al mare,  sono seduta). Non solo, il secondo giorno, prima di andare via, ho “preteso” un servizio fotografico vicino a tutti “i punti più belli e artistici. Rimando alle foto a corredo dell’articolo!

In ultimo, non per importanza, vi segnalo che (come è indicato sulla brochure), per prenotare una postazione attrezzata si può telefonare – tenendo conto che la struttura chiuderà, per quest’anno, il 15 settembre 2015 – al numero 366-1810331; scrivere alla mail: terrazza.ioposso@gmail.com

                                                  A tutti voi, buon fine e…state  in ItaliAccessibile”

                                                                               

 

     

 

    

 

Leggi tutto
AccessibilitàBariEsperienze Accessibili di Maria StellaHome pageItaliAccessibile NotizieLecceNotizie DisabilitàPercorsi AccessibiliProposte vacanze accessibiliSalentoSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Le “mie” spiagge (accessibili) del cuore in Puglia di Maria Stella Falco

t.pali vista passerella
Torre Pali (Le) – Maria Stella Falco

Quest’anno, secondo quando emerge dall’indagine realizzata da SWG, nell’ambito della seconda ricerca sulla notorietà e sull’attrattività turistica, la mia regione (Puglia) è tra le mete turistiche più scelte dai turisti italiani e stranieri (tedeschi, francesi e svizzeri). Io non amo tanto le statistiche! Son sicura che ogni pugliese può parlar bene della sua regione, per due versanti affacciata sul mare.

A proposito della mia regione, ed in particolare del Salento, in quest’articolo vi indicherò alcune località marine – sia del versante jonico che di quello adriatico – e dunque alcune spiagge – accessibili, in virtù dell’implementazione di iniziative a favore dell’accessibilità “al mare”.

Prima, però, accennerò brevemente ad alcune iniziative intraprese in Puglia, ispirate alla “filosofia dell’accessibilità” e a sostegno della domanda – sempre crescente – di un’utenza portatrice di bisogni reali, che dimostrano la reale spinta verso l’auspicata crescita culturale ed etica del territorio Rimanderò ad alcuni link di approfondimento, per snellire questo articolo.

“Salento per tutti” è una nuova sezione tematica – attiva dal 3 luglio al 5 settembre – del progetto di promozione turistica “Città aperte” con cui l’Azienda di Promozione Turistica di Lecce e l’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia hanno inteso rispondere alle esigenze di quanti – bambini, giovani, adulti – non hanno sufficiente autonomia per assaporare tutti i piccoli e grandi piaceri di una vacanza” o le cui condizioni di salute li costringono a sottoporsi continuamente a cure mediche salvavita. Grazie a “Spiagge per tutti”, che segue le direttive in materia di accessibilità balneare contenute nell’ordinanza balneare 2012 della Regione Puglia – prima Regione italiana ad emanare un provvedimento del genere, visto che in precedenza tali provvedimenti erano stati emanati solo da qualche comune – , sono disponibili le sedie “JOB”: impermeabili, sicure e fruibili gratuitamente. Consentono ai disabili motori di stare a galla in acqua in modo agevole e in autonomia e di muoversi sulla sabbia senza bisogno di passerelle. È prevista la presenza di operatori specializzati, appositamente formati e coordinati dall’Associazione SFIDA, secondo un piano che prevede, nelle spiagge libere, orari differenziati e postazioni sparse su tutto il litorale salentino (http://www.viaggiareinpuglia.it/allegati/Eventi/salento_per_tutti__1279277414850.pdf).

Nella provincia di Lecce, inoltre, nel 2010 è stato presentato un progetto per rendere il Salento sempre più accessibile. “NoBarrier” (New objective: tourism without barrier) sarà presto una realtà e potrà contare su un contributo di 91.740 euro per una serie di azioni mirate, fra le quali, la creazione di spiagge attrezzate per i disabili e l’identificazione di adeguati standard di accoglienza (http://www.provincia.ba.it/home_page/struttura_e_organizzazione/00004302_PROGETTO_no_barrier.html ).

Tra i tanti approfondimenti possibili sulla materia, ho selezionato per voi questi: http://www.muoversinsieme.it/magazine/diritti-doveri/spiaggia-accessibile-ma-battigia-vietata-cosa-dice-la-legge-e-come-tutelare-il-proprio-diritto-al-bagno-in-mare-senza-pagare/; file:///C:/Documents%20and%20Settings/Administrator/Documenti/Downloads/AccessibilitaSpiagge%20(1).pdf

Dicevo che in questo articolo avrei indicato le mie “spiagge del cuore” e così continuerò a fare, soprattutto ripercorrendo con la mente le mie estati, i luoghi marittimi più belli, dove ho vissuto, o che ho visitato; dove ho potuto accedere, fare il bagno e stare in spiaggia agevolmente.

Ho trascorso le estati della mia infanzia a Marina Serra di Tricase (Lecce), una bellissima e “incontaminata” località marittima situata sulla costa adriatica nota, oltre che per essere incastonata in un’insenatura naturale, per il suo mare trasparente e per essere considerata una località “silenziosa” che restituisce l’armonia necessaria per riscoprire se stessi, per la sua “salubrità dell’aria”, per citare un’ode di Giuseppe Parini. I miei genitori comprarono casa lì proprio per quest’ultimo motivo, perché io e i miei fratelli, come capita spesso a tanti bambini piccoli, avevamo qualche problema respiratorio che, magicamente, l’estate migliorava notevolmente.

Durante la mia infanzia, dunque, ho potuto accedere al “mare grande” grazie all’aiuto dei miei parenti e amici, che mi aiutavano a scendere attraverso delle scale sotto l’alta scogliera -: questo succedeva, di solito, ogni domenica. Durante la settimana facevo il bagno, attività ludica e necessaria per me che, certamente, avevo qualche difficoltà motoria in più rispetto ad ora – le qualità terapeutiche dell’acqua sono note fin dall’antichità ed è fondamentale che questo elemento essenziale per la vita, nonché patrimonio inestimabile dell’umanità sia condiviso con tutti – dopo aver sceso un po’ di scale accompagnata, nella bellissima piscina scavata nella roccia negli anni Sessanta, collegata al mare – da cui attinge l’acqua cristallina – attraverso gli archi della “Grotta Matrona”. La spiaggia adiacente la piscina presentava e presenta,, dal lato verso l’imbocco al “mare grande attraverso la “Grotta Matrona”, degli scogli più bassi mentre, da un altro accesso, presentava e presenta una zona “spianata”.

Vicino a Marina Serra, si trova Andranno. Per informarsi dello stato dell’accessibilità di questa località, che per la verità ho frequentato poco per la balneazione, suggerisco di leggere articolo, comparso qualche mese fa proprio su Italiaccessibile, reperibile al link: http://www.italiaccessibile.it/un-piano-di-sviluppo-volto-al-turismo-accessibile-nel-salento/ .

Da quando sono diventata grande, io e la mia famiglia abbiamo deciso di cominciare a frequentare alcune spiagge sabbiose – sulla costa jonica e adriatica – in modo che io, pur continuando ad essere accompagnata in spiaggia – a cui si accede tramite una passerella posizionata sulla sabbia – e in mare, potessi fare il bagno con più autonomia e potendo contare su una maggiore sicurezza. Man mano che si cresce si ha maggiore consapevolezza di ogni cosa, compresi rischi e pericoli a cui può esporre il mare ma, in ogni caso, tali rischi e pericoli, vanno valutati e superati in sicurezza. A tal proposito, segnalo come molto accessibili la spiagge libere e gli stabilimenti di Torre Pali e Lido Marini, località marittime di Salve (Lecce) che frequento abitualmente da qualche anno; sul versante adriatico, segnalo come molto accessibili le spiaggia libere e gli stabilimenti balneari di Torre San Giovanni (Marina di Ugento). Ovviamente oltre all’accesso in spiaggia, in tutti questi casi, segnalo come accessibile l’accesso al mare. Una volta in mare, divento più autonoma grazie alla minore forza di gravità che mi consente persino di camminare (dico sempre che sarei dovuta nascere pesce!!!! e grazie al fatto che uso una particolare cintura “salvagente”, simile a quelle che si utilizzano in piscina durante le sedute di idrokinesi terapia, che mi consente di mantenermi meglio e di più a galla!!

Per due anni, in particolare nell’estate 2009, durante un periodo particolare della mia vita, insieme alla mia famiglia trascorsi qualche giorno presso il “Residence Solaris” di Torre dell’Orso, località che si trova lungo la costa – lunga 15 km – di Melendugno (tra l’altro, continuando questo itinerario, si raggiunge pure San Foca, dove quest’anno è stato inaugurato il primo accesso al mare per chi ha malattie neuromuscolari (di cui vi parlerò di più nei prossimi articoli, per ora consultate http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/homepage/tutti-al-mare-a-san-foca-no837237 ).

Presso “Residence Solaris” di Torre dell’Orso frequentai sia la piscina interna, artificiale, sia la spiaggia libera, sabbiosa, a 10 km dalla struttura ricettiva – su cui si possono avere maggiori informazioni consultando il sito http://www.residencesolaris.com/residencesolaris/Home_Page.html. Di quella bruttissima estate ho anche questo bellissimo ricordo.

L’estate scorsa io e la mia famiglia, per “staccare” per qualche giorno dalla solita routine, abbiamo trascorso un week end lungo tra Ostini, Alberobello e Castellaneta. La costa di Ostini si stende per 17 km: quel sabato mattina andammo anche a mare, presso la spiaggia libera in località “Rosa Marina” (in zona sono presenti pure numerosi stabilimenti accessibili (http://www.ostuniaruotalibera.it/). Come tante altre giornate passate in spiaggia, quel giorno è rimasto nel mio cuore.

Questo articolo non ha voluto essere una panoramica completa di tutte le spiagge libere e gli stabilimenti accessibili presenti in Puglia, ma solo una panoramica delle spiagge “del mio cuore”, in ogni caso, spero che le indicazioni presenti siano ugualmente utili a molti di voi. Ho intenzione, nei prossimi articoli, di ritornare sull’argomento, per darvi altre informazioni utili.

Buona Estate!

Maria Stella Falco

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Carrara: firmato un protocollo d’intesa firmato tra consulta handicap e balneari per un turismo accessibile

spiaggie-accessibili-carrara
Turismo Accessibile- Carrara

Organizzata dagli operatori balneari e dalla consulta delle persone con disabilità del Comune di Carrara al bagno Morgana si è parlato di ospitalità e di accoglienza per un turismo accessibile a tutti. Obiettivo quello di iniziare un percorso virtuoso e stimolante per tutta la città in grado di aiutare l’amministrazione comunale nel cammino teso ad una piena integrazione delle persone.

«Con l’approfondimento – racconta Pier Angelo Tozzi, presidente della Consulta – dei temi dell’accoglienza e dell’ospitalità si è voluto fare una riflessione di come sia possibile abbattere le barriere delle brutte abitudini e della superficialità ma anche delle non conoscenze, dimostrando come sia possibile offrire alla persona disabile una balneazione pienamente e dignitosamente utilizzabile».

La serata è stata l’occasione per presentare al numeroso pubblico presente gli ultimi modelli di sedia da spiaggia, ‘Job’, acquistati dai balneari del consorzio Riviera Toscano, ausili confortevoli e idonei per muoversi sulla spiaggia fino a portare la persona in mare in completa sicurezza. Oltre alla Consulta ha partecipato il vice sindaco e assessore al Sociale Fiorella Fambrini.

A conclusione dell’incontro è stato firmato un protocollo di intesa tra il presidente del Consorzio Antonio Lenzi e da quello della consulta, per un rapporto continuativo e collaborativo al fine di migliorare la ricettività e l’accoglienza nel pieno rispetto dei diritti delle persone con disabilità.

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Tangram a Follonica (Gr) una spiaggia attrezzata e accessibile

Tangram – follonica

L’idea della spiaggia attrezzata nasce nel 1998 e si concretizza nel 2002 in seguito all’aggiudicazione di una gara d’appalto indetta dal Comune di Follonica. Nell’estate del 2005 la Cooperativa il Nodo costruisce la struttura ed attiva il servizio.

Tangram - Spiaggia accessibile - Follonica (Gr)
Tangram – Spiaggia accessibile – Follonica (Gr)

A sostegno di Tangram il Nodo ha presentato ad ESPRIT, Sovvenzione Globale Piccoli Sussidi, un progetto finalizzato a costituire una nuova cooperativa sociale di tipo b, in prevalenza costituita da donne, che insieme al Nodo gestisce da quest’anno il servizio.

Sempre attraverso Esprit, è stato finanziato un corso di formazione per “Addetto di spiaggia”, rivolto a persone che vivono situazioni di disagio personale e sociale.

Nel febbraio del 2006 la Cooperativa Sociale il Nodo e la Cooperativa sociale Tangram ricevono al Palazzo dei congressi di Parigi, per la spiaggia accessibile, il tropheé Apajh per la categoria delle realizzazioni europee. (vedi www.apajh.org)

Qualche mese più tardi riceve altri due importanti riconoscimenti: le chiavi del sorriso della fondazione Cesar del gruppo UNIPOL ed il primo premio Estabile 2008 per l’accessibilità , categoria stabilimenti balneari, dalla associazione Handisuperabile.

Riguardo all’accessibilità per persone con disabilità è stato realizzato un camminamento in legno che corre dalla strada, lungo la struttura, fino al bar; inoltre, è stato realizzato, intorno a 15 ombrelloni,  altrettante piazzole per una maggiore accessibilità della persona su sedia a rotelle all’ombrellone; altri camminamenti in plastica sono predisposti per servire due file di ombrelloni, il tutto per un totale di circa 130 metri lineari.

Inoltre sono state installate 2 solar beach,  postazioni ombra accessibili.

Dotato di pedane anche un gazebo adatto ad accogliere gruppi.

La spiaggia dispone anche di 2 sedie Job e 3 di altra tipologia per consentire un migliore spostamento sulla sabbia e nell’acqua. L’utilizzo, esclusivo del disabile, è gratuito.

Tangram - Spiaggia accessibile - Follonica (Gr)
Tangram – Spiaggia accessibile – Follonica (Gr)

Un altro strumento per il godimento del mare da parte di tutti, in particolar modo da parte di chi ha difficoltà motorie, è l’Isolotta, un’ampia struttura in polietilene che permette a chiunque di prendere il sole o fare il bagno, ed è comoda specie per chi è costretto a restare a lungo nella stessa posizione. L’utilizzo da parte del disabile è gratuito.

Nello spazio infermeria è a disposizione per chi ne avesse bisogno un lettino da visite e il necessario per piccole medicazioni di emergenza.



Il fasciatoio per bambini è posizionato anch’esso nello spazio infermeria

Al bar si può accedere attraverso scivoli e pedane ed il banco bar è in parte ribassato per consentire l’accessiblità a bambini e persone su sedia a ruote.

Per maggiori info: http://www.spiaggiatangram.it

No tags for this post.
Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieLoanoSavonaSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

A Loano (Sv) tredici lidi accessibili a tutti

loano-spiagge-accessibili

A Loano salgono a tredici le spiagge che hanno attivato il servizio di balneazione assistita rivolto a persone con problemi di mobilità.

L’iniziativa è promossa dal S.I.B. di Loano (Sindacato Italiano Balneare) e dall’A.T.I. Spiagge Libere Attrezzate coinvolge strutture totalmente accessibili con scivoli o ascensori, che si sono dotate di tiralò e/o sedia job.

Loano Spiagge accessibili

Le carrozzine da mare permetteranno alle persona con problemi di mobilità di entrare in acqua e di fare il bagno. Hanno aderito all’iniziativa i bagni: Varesina, Delfino, Kursaal, Perelli, S. Stefano, Europa, Solemare, Lampara, Murena, Torino, Continental, Nadia, Saitta.

Il comune di Loano l’anno scorso ha conquistato l’assegnazione della Bandiera Lilla. Il riconoscimento, simbolo della particolare sensibilità da parte delle comunità locali nei confronti di un turismo attento ai bisogni delle persone con disabilità. Vuole dire avere una serie di servizi e progetti in atto che superano gli obblighi di legge e che sono volti a favorire l’accoglienza di turisti con disabilità motorie, visive, auditive e patologie alimentari.

I luoghi di interesse turistico, culturale e aggregativo sono da tutti fruibili dal lungomare con estensione di oltre 4 km, il porto turistico, gli impianti sportivi sono tutti privi di barriere architettoniche e di ascensori e che consentono di raggiungere la spiaggia agevolmente.

Per maggiori info: http://www.spiaggelibereattrezzateloano.it/

No tags for this post.
Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSan Vito Lo CapoSiciliaSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Spiaggia Zero Barriere a San Vito Lo Capo (Tr)

spiaggia senza barriere-san vito lo capo

A San Vito Lo Capo il mare per tutti

Il Centro Addestramento Acquatico “A.S.D. Project Diver”, è una associazione sportiva che nasce il 29 giugno 1992, da un gruppo di appassionati del mare e dell’avventura. La voglia di trasmettere ad altri la passione per gli sport acquatici, l’entusiasmo di essere a diretto contatto con la natura e l’ambiente marino, ha portato a considerare la possibilità di condividere le emozioni con altri amici.

Dal 1996 collabora con varie organizzazioni scolastiche e Federali, per corsi e assistenza nelle varie manifestazioni sportive nazionali ed internazionali. Gestiamo un Diving Center, per i soci, presso il Campeggio villaggio El-Bahira. a San Vito Lo Capo nella provincia di Trapani.

Dal 2000 nasce la sezione Disabili no Limis Team”, che si dedica, a promuovere in particolar modo l’attività idromotoria, socializzante, ricreativa, ludica, di insegnamento e pratica dell’ acquatica, a sostegno di programmi riabilitativi per soggetti disabili.

Spiaggia Senza Barriere-San Vito Lo Capo (Tr)
Spiaggia Senza Barriere-San Vito Lo Capo (Tr)

Nel 2010 prende forma il progetto “ZERO BARRIERE”, tale progetto ha l’obiettivo di facilitare la fruizione del mare a persone con diversa abilità motoria, utilizzando metodi e mezzi messi a disposizione da diversi enti promotori per favorire l’accoglienza turistica individuale e di gruppo, così da utilizzare il mare e il suo ambiente come elemento socializzante e di integrazione.

Lo scopo del progetto “ZERO BARRIERE ” è quello di facilitare la fruizione del mare a persone con disabilità motoria, utilizzando metodi e mezzi messi a disposizione dagli enti promotori dell’iniziativa per favorire l’accoglienza turistica individuale e di gruppo, utilizzando il mare e il suo ambiente come elemento socializzante e di integrazione.

Per migliorare il vostro soggiorno sulla spiaggia sono a disposizione:

  • n° 01 sedia “tiralò”, sedia con la quale vi porteremo fino all’acqua!
  • n° 02 sedia “sand & sea”; sedia con la quale vi porteremo fino all’acqua!
  • n° 08 sedie “JOB”; sedia con la quale vi porteremo fino all’acqua!
  • n° 20 Lettini Blu standard
  • n° 15 Lettini Blu gambe lunghe
  • n° 35 Ombrelloni con Tavolinetti
  • n° 06 Spiaggine
  • n° 06 sedie da Regista
  • n° 06 giubbotti di salvataggio

Il servizio comprende:

  • n° 05 carrozzine, servizio di affidamento gratuito per il periodo di soggiorno
  • n° 01 carrozzina elettrica, servizio di affidamento con un contributo simbolico per il periodo di soggiorno da impiegare per la manutenzione
  • Servizio professionale di salvataggio garantisce la sicurezza del bagnante
  • Convenzioni con le strutture turistiche della Città

Per maggiori info:

  • Ufficio Turistico
  • Via Savoia, 57 – San Vito Lo Capo (TP)
  • tel: +39 0923 974300

Leggi tutto
AccessibilitàAutismoHome pageItaliAccessibile NotizieRavennaSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

A Ravenna strutture balneari “Autism Friendly Beach”

friendly-autismo-beach

Dopo Rimini, anche a Ravenna avrà dellele strutture ricettive e balneari per accogliere in modo consapevole persone e ragazzi autistici.

La formazione del 26 e il 27 maggio sarà rivolta ad albergatori e a titolari di bagni è promossa dal Consiglio territoriale del mare, in collaborazione con l’associazione Operautismo e mira a creare competenze nell’accoglienza.

La partecipazione alle due giornate di formazione, nella sala auditorium dell’ufficio territoriale del mare in piazzale Marinai d’Italia 19, prevede un attestato e una certificazione, nonché l’inserimento della ragione sociale delle strutture “friendly” in elenchi pubblicati sui siti dedicati alle famiglie dove sono presenti persone autistiche.

Il Comune di Ravenna, con l’avvio di questa opportunità, vuole offrire le condizioni migliori sotto il profilo interpersonale a queste persone e ha anche lo scopo di alzare la qualità delle strutture turistiche per essere all’altezza delle esigente di tutte le famiglie.

Una trentina di operatori del campeggio Villaggio del Sole di Marina Romea della Società gestione campeggi srl hanno per primi sperimentato la formazione rivolta nello specifico a questa tipologia di strutture e si spera che moltisisme altre strutture aderiranno all’iniziativa.

No tags for this post.
Leggi tutto
AccessibilitàBarriere ArchitettonicheGradoHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

La spiaggia principale di Grado diventerà accessibile per tutte le categorie di utilizzatori

Spiaggia_a_Grado

Spiaggia_a_GradoGrado sarà quasi certamente una delle poche, se non la prima, spiagge italiane totalmente accessibili. Non si tratta solo dell’arenile, ma anche del retrospiaggia e di tutte le strutture dello stabilimento.

Gli interventi inizieranno già a marzo. Mentre per l’arenile che essendo demaniale ha necessità, prima di procedere, delle relative autorizzazioni. Un intervento complessivo per circa 30.000 euro che andrà a eliminare totalmente le barriere architettoniche.  I vertici della Git, che eseguiranno i lavori, incontreranno quelli dell’associazione dei diversamente abili rappresentata da Mario Brancati e Sebastiano Marchesan che hanno già presentato un elenco di opere necessarie. Gli interventi non riguarderanno unicamente chi ha problemi di deambulazione ma anche tutte le altre categorie di fruitori della spiaggia. Quando tutto sarà completato ci sarà anche l’accesso gratuito al comprensorio balneare per la persona diversamente abile al 100% e il suo accompagnatore e pacchetti spiaggia con uno sconto del 50% sia per il noleggio giornaliero e sia per l’abbonamento. Il parcheggio sarà gratuito a condizione, però, che il disabile sia in possesso del tagliando per parcheggio gratuito rilasciato dai Comuni.

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

“Recensisco Io”: Lido Open Sea Milazzo (Me) di Cristina

no thumb

Nasce una nuova rubrica sul nostro blog ItaliAccessibile www.italiaccessibile.it che si chiama “Recensisco Io” dove ognuno può scriverci alla email italiaccessibile@gmail.com inviandoci i propri commenti(positivi e negativi) di una struttura turistica in cui si è stati ospitati per le proprie vacanze naturalmente con uno sguardo all’accessibilità sia della struttura(Hotel, Villaggio turistico, B&B ecc.) che dello stabilimento balneare. Grazie e speriamo che sarete in tanti a scriverci

Pubblichiamo la recensione dei Cristina del Lido Open Sea di Milazzo (Me). La ringraziamo per averci inviato queste preziose informazioni sull’accessibilità di questa struttura sperando presto di visitare.

Buongiorno,

sono da poco rientrata da due belle settimane di mare a Milazzo al lido Open Sea.
Oltre la già nota ospitalità siciliana, il circolo messinese di Aism ha una marcia in più: le persone (il presidente Angelo La Via, la sua famiglia, lo staff, i volontari e tutti i giovani in servizio civile) sono simpatiche, disponibili e competenti.
Sanno esserci quando serve e sanno allentare la presa se necessario: seguono la persona ma non la assillano anzi semmai la abbracciano e quasi coccolano!
Il ‘servizio’ è completo: presa in carico in aeroporto, trasporto al B&B, accompagnamento a mare e in acqua con livelli di assistenza diversi secondo le necessità fisiche e psicologiche di ognuno.
Vorrei che chiunque ha problemi motori potesse sapere di questa piccola ed efficiente realtà per poter passare giorni sereni al mare (e in piscina quando il mare è troppo agitato).
Ancor più visto che …tutto questo avviene al Sud!

Grazie

 

[banner]

Per ulteriori informazioni Lido Open Sea: via del Marinaio 1, Milazzo, 340 7385004 e 347 3538574

Cristina Coglitore
Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Turismo in Liguria, una “bandiera lilla” ai comuni più attenti ai disabili

no thumb

liguria bandiera lillaLa Liguria , prima regione italiana, certifica con le “Bandiere Lilla” i comuni maggiormente sensibili nei confronti dei disabili. Il progetto, presentato in mattinata dagli assessori alle Politiche Sociali e al Turismo Lorena Rambaudi e Angelo Berlangieri, dopo una complessa selezione, ha individuato dieci comuni adeguatamente attrezzati per questa particolare accoglienza. I vessilli Lilla sventoleranno alla Spezia e Castelnuovo Magra, a Celle Ligure, Loano, Finale Ligure, Noli, Pietra Ligure nel Savonese, a Imperia e Diano Marina, a Santa Margherita Ligure in provincia di Genova. Il progetto ha tenuto conto dei comuni dotati di strutture alberghiere di almeno cinquanta posti letto. Quelli in possesso del requisito richiesto sono stati 89 : 21 nella Provincia di imperia, 27 in quella di Savona, 21 in provincia di Genova e 20 nello Spezzino. Tutti i comuni hanno ricevuito un questionario approvato dalla Consulta regionale handicap. Le informazioni hanno riguardato l’accessibilità alle strutture e ai siti dei vari enti, agli alberghi, ai residence, ai campeggi, i giudizi hanno tenuto conto dell’accoglienza per le diverse disabilità, compresi i diabetici e i celiaci. La cerimonia di consegna delle Bandiere Lilla ai comuni avrà luogo martedì 5 agosto 2014, alle 21, Celle Ligure, lungomare Cristoforo colombo, località Crocetta.

[banner]

Fonte: http://genova.repubblica.it/

Leggi tutto
AccessibilitàEmilia RomagnaHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Autismo Friendly Beach, le spiagge in Romagna per l’accoglienza delle persone con autismo

no thumb

In Romagna una rete di spiagge, alberghi, servizi, uffici e centri sportivi formati per l’accoglienza delle persone con autismo


rimini_autismo-italiaccessibilePer quanto riguarda l’autismo, risponde a queste esigenze Autismo Friendly Beach, un progetto attivo nella Riviera romagnola, ideato e realizzato proprio per consentire alle famiglie con soggetti autistici di vivere serenamente le proprie vacanze.

Con lo slogan “fai un salto qui da me“, si invitano le famiglie che quotidianamente affrontano l’autismo, a trascorrere le vacanze in un ambiente “autismo friendly”, quindi prepararto e formato per l’accoglienza delle persone con autismo e attrezzato di conseguenza.

Il progetto, che è il primo in Italia, consiste in una rete di stabilimenti balneari, ma anche alberghiparchi tematici,uffici pubblici e centri sportivi, dove personale qualificato è formato anche alla presenza di persone con disturbi dello spettro autistico, grazie a speciali corsi tenuti dall’associazione Rimini Autismo, che promuove il progetto in collaborazione col centro specializzato Asl di Rimini.

[banner]

Oltre alle strutture di accoglienza e di servizio, la rete comprende un team di educatori approvati dall’associazione disponibili ad ore per il sollievo delle famiglie che diventano, per i ragazzi più grandi, compagni qualificati e competenti a disposizione per affiancare o accompagnare nelle uscite. Attraverso il portale www.riminiautismo.it  famiglia può  scegliere tra  gli albergi di Rimini e Riccione aderenti al progetto; può scegliere la soluzione preferita tra le spiagge di Rimini, Riccione e Misano Adriatico, e inoltre contattare un educatore.

Cartelli e insegne distribuite nelle strutture della rete invitano ad affidarsi al personale formato e anche a promuovere una cultura di base sull’autismo, così che chiunque possa conoscere meglio e meglio rapportarsi con la persona autistica e le sue peculiarità.

Il progetto prevede inoltre la formazione di dieci persone con autismo per svolgere alcuni lavori di base per la gestione di uno stabilimento balneare sotto la supervisione dei bagnini della riviera.

Per ulteriori informazioni si può consultare il sito internet http://www.riminiautismo.it/it/friendly-beach.php

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSiciliaSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Disabilita’, aumentano le spiagge accessibili in Sicilia

no thumb

mondelllo mia -italiaccessibilePALERMO. Crescono i lidi accessibili per le persone con disabilità in Sicilia. è stato inaugurato il progetto “Mondello M.i.a. – Mare, integrazione e accessibilità” presso il lido “L’ombelico del mondo” di Mondello.

Il progetto per il mare e la spiaggia accessibile è promosso dall’Inail di Palermo, in collaborazione con il comune di Palermo, la Federazione italiana nuoto paralimpico – delegazione regionale Sicilia, il Cip Sicilia e l’associazione Ombelico del Mondo. Il lido, aperto tutti i giorni, da luglio a settembre, dalle 9.00 alle 18.00, sarà dotato di attrezzature e ausili adatti allo scopo e consentirà l’assistenza e l’orientamento sportivo dei soggetti con disabilità a cura di istruttori di nuoto della Finp.

Nel lido sono aumentate le passerelle e sono a disposizione 30 lettini e tre carrozzine acquatiche. La novità di quest’anno è che l’accessibilità non sarà garantita soltanto nel lido ma, in forza di un protocollo che l’Inail firmerà con la società italo-belga che gestisce tutto il litorale di Mondello, altri punti della spiaggia diventeranno accessibili. L’Inail fornirà infatti alla società una carrozzina job e quest’ultima metterà a disposizione una postazione balneare a Valdesi Mondello, dedicata alle persone con disabilità.

[banner]

Il progetto verrà realizzato con le stesse modalità organizzative a Catania, Ragusa, Messina ed Enna dove ci sarà una piscina comunale con il progetto Happy Village vicino il lago di Pergusa. A Catania ci sono 12 lettini con due carrozzine accessibili. La stessa cosa per Messina, Ragusa e Enna dove c’è un sollevatore per la piscina.

“La finalità del progetto, giunto quest’anno alla quarta edizione, è quella di offrire una spiaggia fruibile alle persone con disabilità gratuita e a ingresso libero – afferma Ninni Gambino, delegato regionale Finp Sicilia – che favorisca l’autonomia e la partecipazione alla vita sociale dei diversamente abili e, in particolare, all’ambito di esperienza collegata al mare, alla balneazione e allo sport in acqua. Inoltre, quest’anno, con l’accordo con la società italo-belga, il litorale di Mondello diventa quasi tutto fruibile a chi è con una disabilità motoria”.

“Oltre al lido L’ombelico del mondo, quest’anno l’accordo che stiamo facendo con la società italo-belga – afferma Vincenzo Amaddeo, direttore della Sede Inail di Palermo – è sicuramente un passo avanti nel miglioramento dei servizi dedicati a chi è con una disabilità. Loro infatti riserveranno una postazione specifica raggiungibile dalle pedane con gli spogliatoi accessibili e la possibilità di fruire di una carrozzina job. L’esperienza finora di Mondello Mia è stata talmente positiva che verrà anche replicata in altre cittadine siciliane. Questa è sicuramente una risposta importante per affermare sul piano della garanzia e della qualità dei servizi che il mare è di tutti. L’Inail anche in questo caso entra in perfetta sinergia di rete con il comune, Cip e Finp Sicilia con l’unico obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità”. (set)

(Fonte Redattore Sociale del 11-07-2014)

pedana polcaro

Leggi tutto
AccessibilitàDiversamente AbiliHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Spiaggia di Nemo Jesolo diventa a misura di disabile

no thumb

spiaggia nemo-jesolo-italiaccessibileJESOLO. Una spiaggia per i disabili e fatta su misura per loro. L’Asl, in collaborazione con Jesolo Turismo, ha presentato ieri la “Spiaggia di Nemo”, dedicata al pesciolino con una pinna più piccola che faticava a nuotare nel celebre cartone animato. Davanti all’ospedale, nel tratto che prima era libero, una spiaggia attrezzata che non vuole essere un “ghetto”, come ha chiesto anche Ennio Biliato, presidente dell’associazione dei diversamente abili Anglat, ma un punto di partenza in quanto ogni spiaggia a Jesolo è accessibile ai diversamente abili che cercano di integrarsi. Vogliono poter accedere senza ostacoli, fare il bagno, prendere il sole e anche guardare qualche bellezza sul mare. Ieri alla presentazione ufficiale, il presidente Luca Zaia («un modello da replicare in modo da rendere tutto il litorale attrezzato su questo esempio»), la presidente della Provincia, Francesca Zaccariotto, il presidente della conferenza dei sindaci per la sanità, Luciano Striuli, con il sindaco di Jesolo Valerio Zoggia e il direttore Asl 10 Carlo Bramezza che l’ha fortemente voluta.

Sono a disposizione 56 ombrelloni in ampie piazzole, docce, servizi igienici e cabine accessibili anche con la presenza di ausili per la mobilità. Viene inoltre offerto un parcheggio auto gratuito sul fronte spiaggia. «L’utilizzo della spiaggia», ha spiegato il presidente della Jesolo Turismo Luca Boccato, «è riservato dal lunedì al venerdì, in via prioritaria, ad associazioni e centri diurni per disabilità fisica. Le associazioni e i centri diurni potranno usufruire della spiaggia per 5 più 5 giorni continuativi o separati per un massimo di due settimane nell’arco dell’intera stagione turistica». Nei giorni festivi e prefestivi la spiaggia è riservata alle famiglie, un diversamente abile e due accompagnatori per ombrellone a titolo gratuito per un massimo di otto giorni complessivi. Per avere diritto all’accesso in spiaggia, solo per i privati, è necessario che il richiedente dichiari il possesso della certificazione della legge 104/92, situazioni di riconosciuta gravità.

[banner]

Per l’accesso alla spiaggia di Nemo è necessario registrarsi ed effettuare la prenotazione dell’ombrellone attraverso il sito www.jesolospiagge.it. Il personale Asl, dopo la consegna di un documento d’identità, consegnerà una chiave che permette l’apertura della sbarra per l’accesso all’area di sosta riservata nonché all’apertura del cancello per l’ingresso in spiaggia. 

(Fonte da La Nuova Venezia del 08-07-2014 di Giovanni Cagnassi )

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieSpiagge accessibili a disabiliTurismo Accessibile

Marina di Camerota (Salerno) inaugurazione passerella accessibile dalla spiaggia all’entroterra

no thumb

Marina-di-Camerota-passerella accessibile-italiaccessibileVerrà inaugurata oggi, 4 luglio ore 17, a Marina di Camerota (Salerno), località nota anche come “la perla del Cilento”, una passerella accessibile che dalla spiaggia porterà all’entroterra, vero “trampolino di lancio” per un più ampio progetto, promosso dall’Associazione HANDIAMO  all’insegna dell’accessibilità globale, con il coinvolgimento, tra gli altri, degli operatori turistici e delle cooperative locali

Attraverso uno sponsor l’Associazione Handiamo ha contribuito a far costruire più di 60 metri di passerella accessibile.

Ma questa inaugurazione sarà solo uno dei passaggi del più ampio Progetto HANDIAMO! Turismo “PERTUTTI”, i cui ambiziosi obiettivi vengono così spiegati dai promotori: «Collegare il mare di Camerota alla propria collina, rendendo il transito possibile “PERTUTTI”, per poi accedere ai negozi resi accessibili il più possibile, anche solo grazie agli “zerbini/scivolo” [veri zerbini trasformabili appunto in scivoli,  potersi incamminare attraverso i sentieri a piedi oppure con i muli/asini che trainano piccoli carretti per carrozzine con disabili oppure solo per persone anziane o bambini; arrivare fino all’Oasi Avventura, che può portare sugli alberi anche chi vive una disabilità fisica o sensoriale; dotare il territorio comunale di alcune fattorie sociali, dove svolgere attività di pet therapycon animali, coltivare ortaggi tipici del territorio, promuovere vacanze per un nuovo concetto di turismo e facendo dotare quelle stesse fattorie di case modulari accessibili, per ospitare turisti». Il tutto, naturalmente, in sintonia con il Comune di Camerota.

[banner]

L’inaugurazione della passerella – cui presenzieranno tra gli altri il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, numerosi Sindaci dei Comuni del Cilento e anche alcuni attori della nota fiction televisiva Un posto al sole, che metteranno gratuitamente a disposizione dell’evento la loro opera di promozione – sarà al centro di una lunga giornata, comprendente anche una visita all’Ecomuseo Virtuale Paleolitico di Marina di Camerota, una gita alla splendida spiaggia di Cala Bianca e – subito dopo il taglio del nastro -, una conferenza stampa di presentazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@handiamo.it.

Leggi tutto
1 2
Page 1 of 2
Dimensione carattere
Designed by

best down free | web phu nu so | toc dep 2017

Advertisment ad adsense adlogger