Sostieni ItaliAccessibile

Questo articolo è già stato letto 1939volte!

Pat_esteso Aperta a Tutti ONLUS è stata fondata il 3 marzo del 2007 grazie alla volontà di un gruppo di giovani palermitani che hanno messo insieme le proprie energie per promuovere una cultura di pace e uguaglianza e rendere fruibile a tutti il patrimonio storico-artistico della Sicilia.

Costituita formalmente nel dicembre 2007, ha la sede sociale e legale a Palermo.
Il nome scelto rimanda al concetto che tutti devono essere protagonisti della propria città e dare il proprio contributo a migliorarla laddove è necessario. Una città, che deve diventare una comunità, per la quale tutti devono collaborare per renderla migliore.

I luoghi e le istituzioni devono diventare accessibili sotto tutti i punti di vista: le numerose , fisiche e mentali che coprono i nostri occhi, devono essere abbattere perché impediscono di guardare chi ha abilità differenti dalle nostre ma che come noi ha il diritto e il dovere di partecipare attivamente alla vita della nostra società.

Tratto distintivo dell’Associazione è la concezione delle attività culturali e turistiche come fattore di sviluppo economico e sociale per la Sicilia, con una particolare attenzione alle ricadute sociali ed economiche di tali iniziative sul territorio.

[banner]

Infatti sin dal momento della sua costituzione, tra gli obiettivi principali v’è la salvaguardia e la libera fruizione del patrimonio artistico, storico ed ambientale della città di Palermo e della Sicilia in genere, con un particolare riguardo per le fasce cosiddette deboli della popolazione, come i diversamente abili i bambini e gli anziani. Ancora attraverso le sue azioni incoraggia l’integrazione culturale e sociale degli stranieri per la diffusione delle culture etniche del mondo, in Italia e all’estero.

Convinti del fatto che la nostra Cultura e la nostra Tradizione siano fondamentali per lo sviluppo locale, l’associazione promuove una politica di coinvolgimento del territorio e dei cittadini per sensibilizzarli ai problemi dell’isola.”

Questo articolo è già stato letto 1939volte!