ItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibile Privacy Policy
close

Macerata

AccessibilitàMacerataNotizie DisabilitàPercorsi AccessibiliTeatro

I Servizi di Accessibilità per l’Opera Festival 2017 di Macerata

Macerata-opera-festival
Macerata Opera Festival Accessibilità
Macerata Opera Festival Accessibilità

In occasione del Macerata Opera Festival 2017 ed in collaborazione con Università di Macerata e Museo Tattile Omero sono stati ideati dei percorsi specifici per persone con disabilità visiva o di altro tipo che permettono di apprezzare le scenografie e gli strumenti musicali utilizzati per gli spettacoli.

Il primo appuntamento si terrà venerdì 28 luglio alle 18:45 “alla scoperta della scena” con un percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino).

Mentre alle 21 è in scena “Madama Butterfly” con audio-descrizioni.

Sabato 29 luglio, ore 18.45 ci sarà la scoperta dei costumi con un percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino). 

Alle 21, Turandot con audio-descrizioni.

Domenica 30 luglio, ore 18.45, Alla scoperta degli strumenti
Percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino).

Alle 21, Aida con audio-descrizioni

Dal 2010 il Macerata Opera Festival, in collaborazione con l’Università di Macerata, e sotto la supervisione della prof.ssa Elena di Giovanni, offre la sopratitolazione dal vivo di tutte le opere in cartellone. I sopratitoli, che riportano  i testi delle opere, vengono proiettati sul muro di fondo, in entrambi i lati, e  svolgono la preziosa funzione di rendere accessibili i libretti operistici a tutto il pubblico dello Sferisterio, fondendosi armoniosamente con la scenografia e le luci dello spettacolo.

Per le serate più importanti del Festival sono previste delle audio descrizioni degli spettacoli. Queste intendono fornire a ipovedenti e non vedenti una precisa descrizione delle opere rappresentate, a partire dall’allestimento fino ad arrivare ai costumi, gli attrezzi di scena, le scelte di regia e i principali movimenti degli artisti e delle scenografie. Tutto ciò che rappresenta elemento visivo fondamentale ai fini della comprensione dello spettacolo verrà quindi descritto.

La ricezione avviene attraverso una cuffia mono auricolare fornita ai non vedenti al posto da loro prenotato.  Le descrizioni vengono fornite principalmente prima dell’inizio dello spettacolo e durante le pause. Brevi descrizioni sono fornite occasionalmente anche durante lo spettacolo. Il servizio è completamente gratuito e dal 2015 si arricchisce della possibilità di scaricare in anticipo le parti introduttive da questa sezione del sito.
Per usufruire al meglio del servizio di audio descrizione durante le tre serate si raccomanda di arrivare con almeno 20 minuti di anticipo e sedersi al proprio posto, indossando la cuffia.

Serate con audio descrizioni:

MADAMA BUTTERFLY 28 luglio

TURANDOT 29 luglio

AIDA 30 luglio

SHI (Si faccia) 2 agosto

 

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageIn EvidenzaItaliAccessibile NotizieMacerataMusica & AccessibilitàTecnologia e AccessibilitàTurismo Accessibile

I progetti di accessibilità del Macerata Opera Festival

Macerata-opera-festival-italiaccessibile
Macerata Opera Festival – Sferisterio

Si rinnovano anche per la stagione 2016 i progetti di accessibilità del Macerata Opera Festival allo Sferisterio, come l’audio descrizione ed un percorso sensoriale per le persone non vedenti.

Sono stati presentati dal presidente e vicepresidente dell’Associazione Arena Sferisterio Romano Carancini e Antonio Pettinari, dal Sovrintendente Luciano Messi, dalla coordinatrice del progetto Elena Di Giovanni e dal presidente del Museo Tattile Statale Omero di Ancona Aldo Grassini.

Il servizio è offerto in collaborazione con l’Università degli Studi di Macerata e l’UICI regionale (Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS), viene fornito in arena, sia in lingua italiana che inglese, ed è totalmente gratuito.

Lo Sferisterio di Macerata è una struttura teatrale unica nel suo genere architettonico. Apprezzato da molti cantanti e direttori d’orchestra per la bontà della sua acustica.

[the_ad id=”5974″]

L’audio descrizione è disponibile per tutte le opere del cartellone nelle seguenti date: 5 agosto Otello, 6 agosto Il trovatore e 7 agosto Norma. Un servizio importante per chi ha problemi uditivi, curato da Elena Di Giovanni. Si possono scaricare preventivamente le parti introduttive delle opere in programma direttamente dal sito dello Sferisterio. Le audio introduzioni durano circa 9 minuti e contengono le informazioni principali dei vari spettacoli, come una breve sinossi, la descrizione delle scenografie, dei costumi e di alcune scelte di regia.
Come negli anni passati, è prevista la proiezione dei sopratitoli sul muro di fondo ai lati del palco, che permettono di seguire i vari passaggi, senza che la scena venga disturbata e permette di seguire la storia anche ai neofiti, che magari hanno difficoltà a seguire il canto dei protagonisti.

A questo si aggiungono i tre percorsi sensoriali, realizzati in collaborazione con il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, tra i pochi musei tattili al mondo dove si può conoscere l’arte attraverso la sorprendente prospettiva delle mani. Nati come progetti rivolti alle persone con disabilità visive o di altro tipo, da quest’anno sono dedicati a tutti coloro che vogliono scoprire anche il dietro le quinte. Il primo percorso, incentrato sugli abiti da scena e con la collaborazione della sartoria e della responsabile del reparto, Simonetta Palmucci, è dedicato ai bambini: i più piccoli hanno così il modo di visitare sia il teatro che gli spazi dove vengono realizzati i costumi. A disposizione dei bimbi tanti vestiti da toccare e da indossare, con l’ausilio di piccoli modellini in 3D.

Il secondo percorso è dedicato alla scoperta di una delle tre scenografie delle opere: può essere toccata con mano e viene illustrata con l’aiuto dei tecnici di palcoscenico dello Sferisterio.

L’ultimo, con la collaborazione dela FORM, è pensato per gli strumenti dell’orchestra, che saranno messi a disposizione dei partecipanti, perché possano toccarli e sperimentare i vari timbri e suoni.

I percorsi sensoriali sono aperti a tutti, previa iscrizione.

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieMacerataMarcheMusei AccessibiliTurismo Accessibile

Macerata : nuovi percorsi sensoriali all’interno di Palazzo Buonaccorsi

Palazzo_Buonaccorsi_Macerata

I nuovi percorsi sensoriali all’interno dei tre piani di Palazzo Buonaccorsi pensati dallo staff di Macerata Musei per essere alla portata di tutti. Riproduzioni in scala e in rilievo per non vedenti, nuovi tablet con contenuti più accessibili, attività educative e visite multimediali e multilingue.

Palazzo Buonaccorsi Macerata
Palazzo Buonaccorsi Macerata

Macerata vuole essere una città aperta all’arte in tutte le sue forme, che consente a tutti di goderne sentendosi accolti, integrati e inclusi. In occasione della giornata mondiale per le persone con disabilità sono state presentate le iniziative pensate dal Comune, Anfass ed i musei civici. Un viaggio dentro palazzo Buonaccorsi con tre piani dedicati al museo della carrozza e allestimenti di opere d’arte antica e moderna. Lo staff di Macerata Musei ha sperimentato nuove forme di fruizione alla scoperta delle meraviglie in esso custodite di cui approfittare anche durante il lungo ponte dell’Immacolata.

Le carrozze vengono riprodotte in scala per permettere anche agli ipovedenti e ai non vedenti di toccarle e quindi “vederle”. Si può virtualmente salire sugli antichi veicoli accedendo ai nuovi tablet, non più incastrati nelle teche ma mobili (quindi alla portata anche di chi si muove su di una carrozzina) e progettati per una lettura facilitata. Anche il tour virtuale attraverso cui si può vivere la simulazione di veri tragitti in carrozza è facilmente raggiungibile da tutti attraverso una pedana elettrica che accompagna il visitatore all’interno della berlina. Nell’anticamera del piano d’arte moderna trova spazio poi la perla del percorso tattile: la”Madonna con bambino” di Carlo Crivelli realizzata in bassorilievo.

E poi ancora: visite multimediali multilingue, attività educative, laboratori creativi contenuti multimediali.
La rete museale marchigiana ha quindi due bastioni fondamentali con palazzo Ducale ad Urbino e palazzo Buonaccorsi a Macerata che si arricchisce oggi anche attraverso questo piccolo ma significativo passaggio per migliorarne l’accessibilità.

Leggi tutto
Dimensione carattere
Designed by

best down free | web phu nu so | toc dep 2017

Advertisment ad adsense adlogger