ItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibile Privacy Policy
close

Cinema e disabilità

Cinema e disabilitàFestival del Cinema di RomaHome pageItaliAccessibile NotizieMalattie RareNotizie DisabilitàRoma

CINEMA E MALATTIE RARE – IL BANDO DEL FESTIVAL CINEMA “UNO SGUARDO RARO”

uno sguardo raro

Cinema e Malattie Rare: Prorogato al 18 novembre 2017 il bando gratuito del festival “Uno Sguardo Raro”

Uno sguardo raro” è la prima e unica rassegna di cinema a tema malattie rare, giunta alla terza edizione, in occasione della Giornata mondiale delle malattie rare. La manifestazione è organizzata dall’ associazione culturale no profit “Nove Produzioni”, su idea di Claudia Crisafio e Serena Bartezzati, con il sostegno di UNIAMO Federazione Italiana Malattie Rare, presso la Casa del Cinema di Roma il 10 e 11 febbraio 2018, con presidente di giuria la regista Cinzia TH Torrini a ingresso gratuito.

Prorogato al 18 novembre 2017 il bando di concorso per “Uno sguardo raro”.

Il bando, a iscrizione gratuita, ha come tema quello del mondo delle malattie rare, descritto da varie angolazioni ed è aperto a professionisti e non professionisti per cortometraggi, cortometraggi Under 30, documentari, spot e cortissimi realizzati con smartphone e tablet, che saranno giudicati e premiati da una giuria di prestigio presieduta dalla regista Cinzia TH Torrini.

Uno Sguardo Raro è gemellato con lo storico concorso letterario, artistico e musicale “Il Volo di Pegaso”, dedicato a chi soffre di queste patologie, prodotto dal Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità e in scadenza il prossimo 15 novembre (www.iss.it/pega/). Collabora con l’iniziativa la UNIAMO FIMR onlus, Federazione che raccoglie oltre 100 associazioni pazienti di malattia rara in Italia.

Raccontare cosa significa vivere in modo diverso, accompagnati da difficoltà e, spesso, dal dolore è sempre difficile. I malati rari e le associazioni pazienti che li affiancano nel loro percorso quotidiano, fatto di piccole e grandi conquiste, hanno raccolto la sfida e negli anni hanno prodotto delle opere in cui aprono il loro complesso universo al pubblico.

“L’obiettivo – sottolinea la direzione artistica – è quello di promuovere le migliori opere video sulle malattie rare per creare un punto d’incontro solidale tra il mondo del cinema e questo mondo e dare un impulso alla produzione di nuovi registri di comunicazione visiva sul tema. Un punto di partenza per raccontare come l’esperienza di chi ha già lottato e magari raggiunto qualche vittoria, sia una ricchezza da condividere. La nostra missione diventa quindi trasformare l’invisibilità dei malati rari in visibilità”.

In Europa una malattia è definita rara quando colpisce meno 1 persona ogni 5mila, ma il numero delle patologie è di circa 8mila. Si calcola che in Europa gli affetti da una patologia rara siano circa 30 milioni. In Italia sono 670mila le persone ufficialmente registrate come ‘malate rare’, ma si stima che siano circa un milione e mezzo, un numero che aumenta molto considerando i familiari coinvolti nell’assistenza. Molte sono malattie complesse, gravi, degenerative e invalidanti, fattori che possono portare all’impoverimento della famiglia, al suo isolamento e al suo sfaldamento. Alcune patologie, però, con una diagnosi precoce e adeguati trattamenti, consentono una buona qualità di vita.

Per informazioni, per il bando completo e iscrizioni al festival
www.unosguardoraro.org

Leggi tutto
Cinema e disabilitàHome pageItaliAccessibile News @ltItaliAccessibile NotizieNotizie Disabilità

Cinema e persone con disabilità. Conferenza Biblioteca Nazionale di Napoli

cinema-disabilità

Lunedì 29 maggio 2017, ore 16:30 alla Biblioteca Nazionale di Napoli ci sarà il Convegno “Cinema e persone con disabilità”  organizzato in collaborazione con il Museo tattile statale Omero di Ancona.

Cinema e disabilità
Cinema e disabilità

Il rapporto tra cinema e persone con disabilità nasce tardi, perché solo nel secondo dopoguerra queste persone acquistano una visibilità sociale e vengono riconosciute titolari di diritti e di sostegni alla loro partecipazione alla società.
Il cinema all’inizio tratta il tema alla lontana, con la categorie del “diverso”. Poi alla fine degli anni ‘50 del secolo scorso costruisce i primi personaggi reali. Analizzando la filmografia sull’argomento risulta evidente come il cinema è lo specchio della società ed il modo di trattare i temi della condizione di disabilità abbiano una trasformazione nel tempo. Da un lato i personaggi con disabilità escono “fuori schema”, con identità spesso sfumate o surreali, dall’altro lato si può rilevare una stigmatizzazione negativa in cui i personaggi con disabilità rappresentano i “cattivi” o gli “sventurati”. Nel tempo però i film evidenziano una eoluzione positiva. Questo è molto evidente nella filmografia americana dove da una dimensione drammatica si passa ad una visione realistica, ad una attenzione politico-sociale, fino ad una demitizzazione ed inversione di ruoli degli eroi tradizionali a favore delle persone con disabilità.
L’Italia apporta un contributo significativo in cui il processo di progressiva inclusione  (nella scuola, nel lavoro, nella società) si riflette nei film prima drammatici, ma impegnati, per poi sfociare in narrazioni realistiche e negli ultimi decenni fortemente ironiche.
Negli ultimi anni – anche sulla base di un cambiamento di paradigma che da un modello medico della disabilità si è passati ad un modello bio-psico-sociale basato sul rispetto dei diritti umani – vi è stata un progressiva moltiplicazione delle pellicole dedicate al tema della disabilità, in cui i personaggi con disabilità hanno acquistato uno spessore maggiore e si vanno emancipando da stereotipi tradizionali e buonisti, per divenire personaggi ordinari della vita quotidiana.

Sarà presente al Convegno Francesco Mercurio il Direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli, seguiranno gli interventi di Giampiero Griffo responsabile della Sezione sulle diversità della Biblioteca Nazionale di NapoliCiro Tarantino dell’Università delle Calabrie e Center for governmentality and disability studies “Robert Castel” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Leggi tutto
Dimensione carattere
Designed by

best down free | web phu nu so | toc dep 2017

Advertisment ad adsense adlogger