ItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibile Privacy Policy
close

ItaliAccessibile Notizie

ItaliAccessibile – News sul Turismo Acessibile, accessibilità e sport disabile

AccessibilitàDiversamente AbiliEsperienze Accessibili di Maria StellaEventi accessibiliHome pageItaliAccessibile NotizieMarina di Melendugno(Le)Notizie dalle Associazioni PartnerNotizie DisabilitàTurismo Accessibile

OLTRE OGNI LIMITE “ESTATE” , EVENTO SOLIDALE ED INCLUSIVO A “MARINA DI MELENDUGNO” (LE)

locandina oltre ogni limite

OLTRE OGNI LIMITE “ESTATE” , EVENTO SOLIDALE ED INCLUSIVO, IN PROGRAMMA SUL LUNGOMARE MATTEOTTI DI SAN FOCA “MARINA DI MELENDUGNO” (LE), IL PROSSIMO 29/07/2017

di Maria Stella Falco

OLTRE OGNI LIMITE “ESTATE” , EVENTO SOLIDALE ED INCLUSIVO, “MARINA DI MELENDUGNO” (LE)
OLTRE OGNI LIMITE “ESTATE” , EVENTO SOLIDALE ED INCLUSIVO, “MARINA DI MELENDUGNO” (LE)

Un mio amico, da qualche tempo, mi ha chiesto di scrivere un articolo su ItaliAccessibile per informare di un evento, all’insegna dell’inclusione e della solidarietà, che si svolgerà sul lungomare Matteotti di San Foca “Marina di Melendugno” (Le) il prossimo 29/07/2017. Sempre tempo fa, il mio amico mi ha inviato il comunicato stampa diffuso dagli organizzatori per l’occasione. Svariati impegni di studio, lavorativi e, soprattutto burocratici, mi hanno tenuta abbastanza lontana dal blog in questo periodo: quel comunicato è rimasto alla mail per qualche settimana; quasi allo scadere del tempo utile alla diffusione della notizia, eccomi qui a rimediare volentieri.

Riprendendo il famoso comunicato stampa, nell’intestazione, ho appena letto: Oltre ogni limite “Estate” “Sono gli eventi impossibili a rendere le cose straordinarie”: questo è un aforisma in cui credo molto, da tempo. Segue/ono una descrizione più dettagliata delle finalità dell’iniziativa; info “pratiche”.

Dopo il successo ottenuto nell’inverno 2016 nel Cinema Paradiso di Melendugno si è pensato di riproporre, con scenari diversi la giornata all’insegna della solidarietà. La manifestazione/serata di solidarietà prevede un varietà al quale parteciperanno artisti/eccellenze disabili e non del territorio salentino i/le quali saranno parte integrante allo staff organizzativo con l’unico fine di contribuire e sostenere l’iniziativa rivolta soltanto ad aiutare le famiglie meno fortunate del territorio melendugnese.

Questo evento benefico ha aperto il cuore degli Amministratori i quali ne hanno permesso col loro patrocinio la realizzazione. È un’iniziativa da riproporre, non solo ai melendugnesi, ma anche ai tanti turisti ogni estate numerosi in Salento, che vorranno partecipare affinché la solidarietà diventi cosa di tutti.

Per info: 3494718566 – Facebook: prolocomelendugno – Mail: prolocomelendugno@gmail.com

Un ultimo periodo per inviatarVi a leggere pure questi miei “vecchi” articoli:

http://www.italiaccessibile.it/esperienze-accessibili-san-foca-salento-italiaccessibile/

http://www.italiaccessibile.it/le-mie-spiagge-accessibili-del-cuore-in-puglia-di-maria-stella-falco/

In entrambi, ho segnalato la possibilità di “compiere” un’altra esperienza accessibile, sempre in San Foca, “Marina di Melendugno” (Le), e sempre d’estate!

Leggi tutto
AccessibilitàEsperienze Accessibili di Maria StellaHome pageItaliAccessibile NotizieMusei AccessibiliOtranto(Le)Turismo Accessibile

ESPERIENZE (QUASI) ACCESSIBILI A OTRANTO(LE): VISITA ALLA MOSTRA “CARAVAGGIO E I CARAVAGGESCHI NELL’ITALIA MERIDIONALE”

caravaggio

di Maria Stella Falco – Esperienze accessibili

Tramite i giornali locali, da qualche tempo, ero venuta a conoscenza della presenza della mostra “CARAVAGGIO E I CARAVAGGESCHI NELL’ITALIA MERIDIONALE DALLA COLLEZIONE DELLA FONDAZIONE LONGHI” presso il Castello Aragonese di Otranto (Le) fino al 24/09/2017.

CARAVAGGIO E I CARAVAGGESCHI NELL’ITALIA MERIDIONALE OTRANTO(LE)Malgrado sia estate, tempo di vacanze, quest’anno sono abbastanza impegnata: prima di ritagliarmi del tempo per rilassarmi un po’, devo fare mente locale, ma cerco di comunque di godermi la stagione (riuscendoci). Nei giorni scorsi, avendo intenzione di visitarla insieme alla mia famiglia, mi sono informata sull’accessibilità dell’iniziativa culturale citata: prima consultando la pagina http://www.mostracaravaggio.it/#fh5co-info; poi chiedendo telefonicamente conferma delle informazioni riportate on line.

È innanzitutto fondamentale un cenno a Roberto Longhi, storico dell’arte del XX sec. che al Caravaggio e ai suoi seguaci ha dedicato i suoi studi, riconoscendo la portata rivoluzionaria della sua pittura, intendendolo “il primo pittore dell’età moderna”. Roberto Longhi è stato anche uno straordinario collezionista: la Fondazione che porta il suo nome custodisce il suo prezioso lascito, oggetto della mostra.

L’opera più significativa della mostra, curata dalla direttrice scientifica della Fondazione citata, è “Il ragazzo morso dal ramarro”, tela dipinta dal Caravaggio all’inizio del suo soggiorno romano (1596-1597). Gli altri capolavori, prevalentemente raffigurazioni a carattere religioso, sono dei seguaci del Caravaggio.

Mi son lasciata affascinare dalla mostra, dai dipinti, dalle personalità religiose raffigurate – che mi hanno fatto ripensare alla mia infanzia – dall’atmosfera. Vi invito, se deciderete di visitare tale mostra, a fare altrettanto.

La mostra è visitabile dalle 10 alle 24. La biglietteria chiude un’ora prima.

Accessibilità: pochi i parcheggi riservati nei pressi del Castello Aragonese. La persona disabile ed un accompagnatore accedono gratuitamente alla visita della mostra. Si accede, con montascale, solo al primo piano del Castello Aragonese, sede della mostra. Il montascale, utilizzabile col supporto di personale addetto, mi ha consentito di salire al primo piano, ma non di scendere: spesso, infatti, per cause ignote agli operatori, smette di funzionare e necessita della riparazione. Non è sempre garantita, quindi, la reale accessibilità dell’iniziativa culturale di cui si è trattato a persone non deambulanti. Sono previste ed applicate altre agevolazioni sul ticket, riportate on line e sulla brochure: qui non sono state riportate in quanto dedicate ad altre “fasce” di visitatori.

Iniziative correlate: con un solo ticket si possono visitare tutti gli ambienti del Castello, non tutti accessibili (l’accessibilità è garantita, come detto non sempre, solo al primo piano). Al primo piano è allestita la mostra fotografica di Roberto Cotroneo “Genius Loci, nel teatro dell’Arte”, risultato del lavoro, realizzato in anni recenti, sul rapporto tra pubblico e arte, tra opere e immagini fotografiche. Seguirà, appena possibile, un articolo dedicato a tale mostra. In altri ambienti del Castello sono presenti riferimenti o materiale culturale riconducibile ad altre iniziative.

Leggi tutto
Turismo Accessibile

Rosolina e Porto Tolle: Turismo sociale ed inclusivo nelle spiagge venete

spiagge-venete-accessibili

Turismo sociale e inclusivo nelle spiagge venete. Con una conferenza alla quale hanno partecipato il sindaco di Rosolina, Franco Vitale, Maria Chiara Paparella dell’Ulss 5, il direttore dei servizi socio sanitari, Urbano Brazzale, e il direttore generale dell’Ulss 5, Antonio Fernando Compostella, è stato presentato il progetto “Turismo sociale ed inclusivo nelle spiagge venete”, partito lo scorso autunno, promosso dall’assessorato regionale al turismo.

Obiettivo del progetto, la costruzione di una rete integrata tra tutte le risorse esistenti nell’area turistica finalizzata alla massima accoglienza ed inclusione e far diventare le spiagge del litorale “Veneto Inclusive”, un punto d’attrazione per il turismo internazionale.

Il progetto è stato finanziato con 650mila euro, è stato pensato per rendere accessibili e fruibili da tutti gli stabilimenti balneari con particolare attenzione alle disabilità, motorie e/o sensoriali, attraverso spiagge e percorsi attrezzati, segnaletica per non vedenti .Per fare questo è stato necessario formare gli operatori creando una cultura di inclusione sociale e  un team dell’accoglienza composto da personale specializzato.

In questo progetto, per quanto riguarda il tratto balneare polesano, sono state interessati i comuni di Rosolina e Porto Tolle, con tutti i 18 stabilimenti presenti su questo tratto di costa.

Leggi tutto
AccessibilitàBracciano AccessibileHome pageItaliAccessibile NotizieLazioNotizie DisabilitàSedia JobTurismo Accessibile

IL LAGO DI BRACCIANO ACCESSIBILE CON LA SEDIA “JOB”

Annalisa Minetti, Maurizio Castelli, Emiliano Malagoli

Grazie alla collaborazione tra la Onlus Di.Di.Diversamente Disabili, Access Emotion e Leo Club” di Forlì, anche il Lago di Bracciano (RM) sarà accessibile per chi ha una disabilità motoria.

Annalisa Minetti e la Onlus Di.Di., in collaborazione con le associazioni Access Emotion e Leo Club” di Forlì, donano una sedia a rotelle da mare allo stabilimento “Il Paradiso sul Lago”. Finalmente anche il Lago di Bracciano sarà accessibile per chi vuole scegliere questo territorio per una gita fuori porta o per una vacanza.

Sabato 1° luglio, in occasione del Festival del Volontariato di Bracciano, una raggiante Annalisa Minetti, accompagnata da Emiliano Malagoli, presidente della Onlus Di.Di. Diversamente Disabili e da Maurizio Castelli, tra i top rider in seno al Team Di.Di., hanno consegnato alla cittadinanza “JOB”, la sedia a rotelle che va anche in acqua, studiata per chi ha una disabilità motoria.

Il progetto, promosso dall’associazione Access Emotion che ha tra le principali attività quella di rendere accessibile la città di Bracciano, è stato sposato con entusiasmo sia dalla Onlus Di.Di., che ha la sua sede operativa proprio su questo territorio, che dall’associazione Leo Club” di Forlì: entrambe hanno finanziato l’acquisto di questo strumento che permetterà, anche a chi ha una disabilità, di godersi le acque trasparenti di questo lago.

“Sono orgoglioso di aver contribuito a rendere più agibile questo territorio che oramai è diventato la mia prima casa” ha commentato il toscano Malagoli “come sempre quando si incontrano associazioni che hanno passione per i propri progetti, esce un qualcosa di positivo. Ora spero che anche le istituzioni locali e le altre strutture diano il loro contributo per favorire un turismo accessibile su tutto il lago”. La sedia è stata affidata allo stabilimento “Il Paradiso sul Lago” – Lungo Lago Argenti 12, Bracciano, sotto i ristorante Il Luccio – e l’utilizzo ovviamente sarà del tutto gratuito.

Leggi tutto
AccessibilitàEventi accessibiliHome pageItaliAccessibile NotizieTrentinoTurismo Accessibile

No Limits Pergine Festival. Spettacolo aperto accessibile

Pergine-festival-accessibile

Festival Pergine Spettacolo Aperto giunge alla sua 42esima edizione.

Pergine Festival accessibile Pergine Festival accessibile

Le chimere, mostri mitologici con corpi di animali diversi, sono ciò che meglio rappresenta la condizione lacerata dell’essere umano, la sua impossibilità a riconoscersi come creatura completa, capace di restituire un’immagine integra di sé. Una suggestione simbolica da cui Pergine Spettacolo Aperto trae spunto per esplorare senza pregiudizi una delle questioni attualmente più controverse: l’identità di genere.

Dal 7 al 15 luglio spettacoli, performance, talks, laboratori, installazioni e molto altro ancora animeranno il centro storico di Pergine Valsugana. Alla ricerca delle nuove chimere del mondo contemporaneo.

E quest’anno giunge alla sua sesta edizione il progetto No Limits, nato per rendere il festival più inclusivo e accessibile. Si consolida infatti la collaborazione con le organizzazioni del settore per rendere lo spettacolo sempre più aperto a diverse visioni, approcci e abilità.

I servizi predisposti includono una navetta da e per Trento con mezzi idonei anche al trasporto di persone con sedia a rotelle e un servizio di accompagnamento, una volta giunti a Pergine, al luogo dello spettacolo. Gli spazi del festival sono stati inoltre rilevati e le informazioni relative l’accessibilità predisposte per il programma cartaceo, il sito del festival e App gratuita “Trentino Accessibile”.

Tra le proposte dell’edizione 2017 segnaliamo quali spettacoli accessibili anche ad un pubblico non vedente, il nuovo lavoro (unica data prevista) di GIULIANA MUSSO Odiare Medea. Il sogno del patriarcato, uno studio teatrale in forma di lettura scenica; il report in forma di concerto Isola e sogna di ATELIERSI, e DragPennyOpera di NINA’S DRAG QUEENS, feroce riscrittura en travesti di The beggar’s Opera di John Gay, su cui si basa l’Opera da tre soldi di Brecht. La descrizione audio degli spettacoli è scaricabile dal sito del festival. Inoltre per DragPennyOpera sarà predisposta l’audiodescrizione dal vivo, con radioguide e auricolare forniti la sera stessa dello spettacolo.

La video-installazione Diario Blu (E) di TITTA COSETTA RACCAGNI e lo spettacolo Geppetto e Geppetto di TINDARO GRANATA (premio UBU2016 migliore novità italiana o ricerca drammaturgica, premio Hystrio-Twister 2017saranno dotati di sottotitolazione intralinguistica, mentre interpreti della Lingua dei Segni italiana saranno disponibili per Body swap, un progetto di Open Source Art realizzato dal gruppo internazionale di ricercatori BEANOTHERLAB, per la performance partecipativa Regenerators di FEDERICA CHIUSOLE e Happiness Calling la conferenza-spettacolo parte del progetto europeo A Manual on Work and Happiness. Venerdì 14 luglio sarà inoltre possibile effettuare una visita guidata della cittá Pergine e del suo castello in LIS.

Tra gli altri eventi accessibili a non udenti vi saranno anche Spazi per corpi in attesa di trasformazione di CLARA LUISELLI, Wordless di MONA MOHAGHEGHI e ME|3T di TOBIA ZAMBOTTI.

La collaborazione con le organizzazioni che lavorano nell’ambito della disabilità intellettiva, ha permesso anche il coinvolgimento di persone con disabilità nella realizzazione di elementi di arredo urbano.

Tutti i servizi elencati verranno forniti gratuitamente dal festival e possono essere prenotati telefonando al numero +39 0461 53 01 79 oppure inviando un’email a nolimits@perginefestival.it

Persone con disabilità hanno diritto al biglietto ridotto e l’omaggio per l’eventuale accompagnatore.

Per chi viene da fuori provincia è inoltre disponibile un pacchetto di quattro giorni con soggiorno in strutture attrezzate e visita alle attrazioni locali. Il programma è scaricabile dal sito del festival.

Il progetto No Limits è realizzato con la collaborazione di Anffas Trentino onlus, Coop. CS4, Ente Nazionali Sordi di Trento, Centro Franca Martini, Coop. HandiCREA, Coop. Senza Barriere, Coop. Vales, MART Museo d’arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto e con il suporto di Fondazione Pio Istituto dei Sordi.

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili alla pagina Accessibilità del festival (https://goo.gl/hkkMYD).

Leggi tutto
AccessibilitàEventi accessibiliHome pageItaliAccessibile NotiziePaestumTurismo Accessibile

Paestum, 2 luglio “Architetture senza barriere” al Tempio di Nettuno

architettura-per-tutti-paestum
“Architetture senza barriere” 2 luglio 2017
“Architetture senza barriere” 2 luglio 2017

Domenica 2 luglio appuntamento presso Porta Principale (nei pressi del Tempio di Nettuno) con “Architetture senza barriere”: visite guidate, in italiano e in inglese, nell’area del Santuario Meridionale (tempio di Nettuno e Basilica) per conoscere, da una nuova e più suggestiva prospettiva, l’architettura e il paesaggio che circonda l’antica città. Il percorso senza barriere architettoniche rende accessibile a tutti la Basilica, il tempio più antico di Paestum ore – 10:00, 12:00, 16:00 e 18:00. La prenotazione è consigliata e può essere effettuata al numero +39 0828811023 o alla mail: pae.didattica@beniculturali.it

Domenica 2 luglio tuffatevi nell’antica città di Paestum…ingresso gratuito per tutti e tante iniziative vi aspettano!!!

 11:00 e 16:00 appuntamento alla biglietteria del Museo con i Laboratori didattici “Dal mito al tempio” per bambini e ragazzi. Il laboratorio prevede di illustrare ai ragazzi le origini di Poseidonia-Paestum attraverso il racconto delle personalità che hanno contribuito a rendere importante e duratura la sua storia: le divinità e gli eroi del mito. Costo del laboratorio € 3,00, per ulteriori info e prenotazioni pae.didattica@beniculturali.it.

– 16:30 appuntamento alla biglietteria del Museo con “Il Sentiero degli Argonauti”: una piacevole passeggiata dai templi al mare attraverso un percorso tra archeologia, storia e paesaggio, sapientemente guidati da Legambiente. Il percorso, di facile percorrenza, è di circa 2 Km (si consigliano scarpe comode!!!) Per info Legambiente Paestum: Pasquale Longo3397850942 Roberto Paolillo 3663762044
– dalle ore 9:00 alle 10.00 e dalle ore 18.00 alle 19.00 appuntamento nell’area archeologica, nei pressi del Tempio di Nettuno per l’attività “Yoga nei templi”. Le lezioni si terranno esclusivamente su prenotazione. (Per info, costi e prenotazioni tel. 338/4777750 o scrivere ayogatempli@gmail.com).
Vi ricordiamo inoltre che, fino al 31 dicembre 2017- una nuova ed interessante mostra“Action painting rito & arte nelle tombe dipinte di Paestum”, vi attende al Museo. La mostra – curata da Marino Niola e Gabriel Zuchtriegel –  resterà aperta tutti i giorni dalle ore 8:30 alle 19.30 (ultimo biglietto 18:50); biglietto Museo, area archeologica e mostra € 10,00 – solo mostra €3,00. La prima domenica del mese il costo del biglietto per la mostra è di solo € 1,00.

Le iniziative si ripeteranno ogni prima domenica del mese, promosse dal MiBACT con ingresso gratuito per tutti!

 

Leggi tutto
AccessibilitàBarriere ArchitettonicheBeneventoDiritti dei disabiliHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie Disabilità

Quotidianità e Barriere Architettoniche: Convegno AITO 1 Luglio a Benevento

convegno-AITO-benevento

L’AITO Sezione Campania organizza con partenariato del Comune di Benevento il Convegno formativo  “Sfide occupazionali:quotidianità e barriere architettoniche”- Sabato 1 Luglio 2017 presso il Palazzo Paolo V. Parteciperà ItaliAccessibile.

Quotidianità e barriere architettoniche - Convegno 1 luglio 2017 Benevento
Quotidianità e barriere architettoniche – Convegno 1 luglio 2017 Benevento

L’Associazione AITO Sezione Campania (Associazione Italiana Terapisti Occupazionali), definita anche ergoterapia, e in inglese occupational therapy, è una disciplina riabilitativa che utilizza la valutazione e il trattamento per sviluppare, recuperare o mantenere le competenze della vita quotidiana e lavorativa delle persone con disabilità cognitive, fisiche, psichiche tramite attività. Si occupa anche dell’individuazione e dell’eliminazione di barriere ambientali per incrementare l’autonomia e l’indipendenza e la partecipazione alle attività quotidiane, lavorative, sociali.

L’obiettivo del congresso è quello di porre alla prova tutti gli individui che contribuiscono alla realizzazione di tali opere (architetti, ingegneri, geometri, imprese di costruzioni, politici, cittadini, professionisti sanitari, associazioni di categorie) come migliorare l’accessibilità cittadina.

Tra gli interventi degli specialisti e gli “addetti ai lavori”interverranno Dott. Michele Senatore Presidente AITO e Michele Cuozzo Presidente Aito Campania, Daniele Romano Presidente Fish Campania, Mariano De Luca Presidente Fand-Bn, Raffaella Masotta Presidente UICI di Benevento, Arch Carla Cuomo progettista per percorsi sull’accessibilità di edifici pubblici e privati.

Come ItaliAccessibile ((associazione che si occupa di turismo accessibile e accessibilità e notizie dal mondo della disabilità, accessibilità, sport disabili,viaggi accessibili) siamo stati invitati a partecipare con gli interventi di Pierpaolo Capozzi e Maria Venditti  per dare una testimonianza e degli spunti sulla accessibilità e la vivibilità della città di Benevento.

Quindi vi aspettiamo Sabato 1 Luglio presso il Palazzo Paolo V – Corso Garibaldi, 147 a BENEVENTO !

Leggi tutto
Diritti dei disabiliFISHHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie dalle Associazioni PartnerNotizie Disabilità

Conferenza di Consenso sulla segregazione delle persone con disabilità promossa dalla FISH Onlus

fish-liberare-segregazione-disabili

Conferenza di Consenso sulla segregazione delle persone con disabilità” promossa dalla FISHSi è conclusa la “Conferenza di Consenso sulla segregazione delle persone con disabilità” promossa dalla FISH con l’intento di restituire centralità ad un tema drammatico, troppo spesso considerato marginale o eccezionale: la segregazione delle persone con disabilità. È la prima volta che il movimento delle persone con disabilità lancia una sfida politica, culturale, scientifica, organizzativa sulla segregazione.

La prima sfida è immediata: in Italia persistono servizi e strutture residenziali dove le persone con disabilità e gli anziani non autosufficienti vivono in condizioni segreganti e subiscono trattamenti inumani e degradanti. Il consolidato sospetto che i fatti di cronaca, le indagini delle autorità competenti, le azioni penali rappresentino solo una minima parte delle situazioni vissute impone di chiedere a gran forza una immediata verifica e un impegno politico a chiudere e convertire queste strutture.

Sono 273.316 le persone con disabilità ospiti dei presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari. Oltre l’83% sono anziani non autosufficienti, che nella quasi totalità dei casi vivono in strutture che non riproducono le condizioni di vita familiari. Nel 2016, tra le violazioni penali più frequenti, l’Arma dei Carabinieri rileva 114 casi di maltrattamenti, 68 di abbandono d’incapace, 16 di lesioni personali e 16 di sequestro di persona.

Accanto a questa segregazione, brutale e conclamata, si rilevano altre modalità più subdole e ugualmente inumane pur senza che da ciò derivino condizioni di vita materiali degradanti, maltrattamenti e violenze. Sono gli ambiti in cui si ripropone la separazione, l’isolamento, la contrazione delle elementari libertà individuali. Servizi in cui prevale una concezione sanitaria e ospedaliera che trasforma chi ne è ospite in “paziente”, “malato” e non più persona con il diritto di vivere normalmente la sua vita e le sue relazioni interpersonali. E dalla Conferenza emerge come queste “residenze totali” siano in particolare rivolte alle persone con limitazioni di natura intellettiva o di salute mentale.

Attualmente i criteri di accreditamento delle strutture sono prettamente incentrati sui requisiti strutturali che non riescono a distinguere i servizi che lavorano per l’inclusione da quelli che si possono definire segreganti. Dalla Conferenza di Consenso emerge la convinzione che i criteri di accreditamento debbano invece riguardare sempre più processi interni alle strutture, focalizzati sulla personalizzazione dei progetti di vita, sui supporti, sulla interazione col territorio e le comunità locali. È ora di modificare anche le impostazioni “finanziarie” centrandole non sulla copertura delle rette e quindi sull’autoconservazione dei servizi stessi, ma orientandole alla definizione delle risorse necessarie alla realizzazione del progetto di vita della persona con disabilità, rendendo esigibile la libertà di scelta della persona con disabilità, favorendo la deistituzionalizzazione e la progressiva crescita dell’autonomia personale.

La Conferenza si chiude quindi con una certezza: si è aperto un cantiere con tre impegnative linee di azione: “liberare” il prima possibile le persone con disabilità che vivono in situazioni inumane e degradanti; individuare con certezza le strutture da ritenere segreganti e quindi da chiudere o convertire, ma anche delineare nuovi modelli inclusivi di servizi e sostegni per l’abitare.

Su questa terza linea di azione la qualificata giuria che ha supportato la Conferenza promossa da FISH ha apprezzato lo sforzo di individuazione dei rischi di segregazione degli attuali servizi residenziali. Ha però suggerito di proseguire nel lavoro di dettaglio rovesciandone la logica, ossia definire indicatori e check list che promuovano la qualità dei servizi per l’abitare, valorizzando il lavoro prodotto dall’Osservatorio Nazionale Disabilità e dalla recente Norma UNI 11010:2016 che fissa appunto indicazioni – finalmente aderenti alla Convenzione ONU – sui “Servizi per l’abitare e servizi per l’inclusione sociale delle persone con disabilità”.

Il lavoro ora prosegue innanzitutto a livello politico e istituzionale con richieste immediate e relative alle emergenze umane. In questo FISH confida di contare anche sul supporto del “Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale” che ha partecipato alla Conferenza annunciando un lavoro di studio e concreta verifica sul tema.

Prosegue anche l’approfondimento tecnico e scientifico su modelli organizzativi, criteri, elaborazioni, con la ricerca di un confronto più stretto anche con Regioni e Comuni.

Leggi tutto
Diversamente AbiliHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie DisabilitàRomaTeatro

Lo spettacolo teatrale “Sogno di una Notte di Mezza Estate” interpretato da allievi con disabilità

notte-di-mezza-estate-

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE 

(regia Marta Iacopini)

martedì 20 giugno 2017 – ore 20.30 

Teatro Brancaccio – via Merulana, 244 Roma

 

Una rilettura in chiave moderna dell’opera di W. Shakespeare, realizzato nell’ambito del progetto “Laboratorio teatrale integrato per persone disabili adulteʺ, finanziato da Roma Capitale – Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute.

 

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

L’adattamento dello spettacolo, diretto dalla regista Marta Iacopini, interpretato dagli allievi con e senza disabilità dell’Accademia L’Arte nel Cuore Onlus di Daniela Alleruzzo, ha lasciato intatta la storia originale che ruota attorno alle vicende amorose di Ermia e Lisandro, Elena e Demetrio, complicate dall’arrivo del folletto Puck che crea scompiglio tra gli amanti.

 

Lo spettacolo è realizzato grazie al sostegno di SIAE, POSTE ITALIANE, L’OREAL ITALIA, SISAL, BCC ROMA, EXXON MOBIL, STUDIO ZITO, IL FIORE DEL DESERTO, BARDI EDIZIONI, UNIVERSITA’ NICCOLO’ CUSANO, DIMENSIONE SUONO 2, CNB COMUNICAZIONE

per maggiori informazioni: info@artenelcuore.it

Leggi tutto
AccessibilitàMacerataNotizie DisabilitàPercorsi AccessibiliTeatro

I Servizi di Accessibilità per l’Opera Festival 2017 di Macerata

Macerata-opera-festival
Macerata Opera Festival Accessibilità
Macerata Opera Festival Accessibilità

In occasione del Macerata Opera Festival 2017 ed in collaborazione con Università di Macerata e Museo Tattile Omero sono stati ideati dei percorsi specifici per persone con disabilità visiva o di altro tipo che permettono di apprezzare le scenografie e gli strumenti musicali utilizzati per gli spettacoli.

Il primo appuntamento si terrà venerdì 28 luglio alle 18:45 “alla scoperta della scena” con un percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino).

Mentre alle 21 è in scena “Madama Butterfly” con audio-descrizioni.

Sabato 29 luglio, ore 18.45 ci sarà la scoperta dei costumi con un percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino). 

Alle 21, Turandot con audio-descrizioni.

Domenica 30 luglio, ore 18.45, Alla scoperta degli strumenti
Percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino).

Alle 21, Aida con audio-descrizioni

Dal 2010 il Macerata Opera Festival, in collaborazione con l’Università di Macerata, e sotto la supervisione della prof.ssa Elena di Giovanni, offre la sopratitolazione dal vivo di tutte le opere in cartellone. I sopratitoli, che riportano  i testi delle opere, vengono proiettati sul muro di fondo, in entrambi i lati, e  svolgono la preziosa funzione di rendere accessibili i libretti operistici a tutto il pubblico dello Sferisterio, fondendosi armoniosamente con la scenografia e le luci dello spettacolo.

Per le serate più importanti del Festival sono previste delle audio descrizioni degli spettacoli. Queste intendono fornire a ipovedenti e non vedenti una precisa descrizione delle opere rappresentate, a partire dall’allestimento fino ad arrivare ai costumi, gli attrezzi di scena, le scelte di regia e i principali movimenti degli artisti e delle scenografie. Tutto ciò che rappresenta elemento visivo fondamentale ai fini della comprensione dello spettacolo verrà quindi descritto.

La ricezione avviene attraverso una cuffia mono auricolare fornita ai non vedenti al posto da loro prenotato.  Le descrizioni vengono fornite principalmente prima dell’inizio dello spettacolo e durante le pause. Brevi descrizioni sono fornite occasionalmente anche durante lo spettacolo. Il servizio è completamente gratuito e dal 2015 si arricchisce della possibilità di scaricare in anticipo le parti introduttive da questa sezione del sito.
Per usufruire al meglio del servizio di audio descrizione durante le tre serate si raccomanda di arrivare con almeno 20 minuti di anticipo e sedersi al proprio posto, indossando la cuffia.

Serate con audio descrizioni:

MADAMA BUTTERFLY 28 luglio

TURANDOT 29 luglio

AIDA 30 luglio

SHI (Si faccia) 2 agosto

 

Leggi tutto
Teatro

10 e 11 giugno a Matera “Un Viaggio tra i Sensi”

Sassi-di-Matera

Sassi di Matera

Il 10 e 11 giugno 2017 a Matera sarà di scena il Teatro multisensoriale in Cattedrale con due opere teatrali tratte da racconti di Stefano Benni e Italo Calvino in una nuova dimensione. La vista abbandona la scena e lascia spazio agli altri sensi. Le parole si fanno più intense, i rumori più vividi, gli odori più forti ed in questa atmosfera ovattata ci ritroveremo immersi nella rappresentazione.

L’Evento promosso da I.T.R.I.A. – Comitato per la promozione culturale, interreligiosa ed accessibile e saranno presenti anche i fondatori di I.T.R.I.A., Don Valerio Pennasso (Direttore dell’Ufficio nazionale della CEI per i Beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto), Sharif Lorenzini (Presidente della Comunità islamica d’Italia), Rav. Dr.Umberto Avraham Piperno (Rabbino Emerito del Sud Italia).

L’ingresso all’Evento nelle giornate del 10 e 11 giugno è completamente gratuito.
E’ obbligatoria la prenotazione online che sarà disponibile sul sito http://www.itria.org

No tags for this post.
Leggi tutto
Turismo Accessibile

Premio Nazionale ‘Turismi accessibili’“. Il 27 maggio a Pescara

turismi-accessibili-Simona-Petaccia

Cerimonia di consegna del premio nazionale ‘Turismi accessibili’ sabato 27 maggio 2017 a Pescara.

Turismo Accessibili
Turismo Accessibili

Sabato 27 maggio alle ore 10:30 presso il “Parco dei Sogni” in via Mafalda di Savoia a Pescara ci sarà la cerimonia di consegna dei riconoscimenti relativi al suo premio nazionale “Turismi accessibili – Giornalisti, Comunicatori e Pubblicitari superano le barriere” (www.turismipertutti.it) con il patrocinio della Camera dei Deputati alla onlus Diritti Diretti .

“TURISMI ACCESSIBILI” premia articoli, servizi radio-televisivi, spot pubblicitari, video e campagne di comunicazione realizzati da giornalisti, pubblicitari e comunicatori per raccontare chi è riuscito a produrre sviluppo socio-economico unendo i concetti di attrattività, innovazione, estetica e/o sostenibilità alla cultura dell’accessibilità.

Lo scopo del premio è di dare visibilità alle buone pratiche utilizzate da realtà pubbliche e private (enti, aziende, istituzioni culturali, associazioni ecc.) che, operando direttamente o indirettamente nel settore del Turismo e della Cultura in Italia, abbiano reso la visita e la fruizione dei luoghi un evento piacevole per tutti.

In sostanza, il premio è dedicato a chi ha superato gli ostacoli architettonici, ambientali e culturali per una fruizione agevole e sicura di mezzi di trasporto, strutture turistico-ricettive o di luoghi d’interesse artistico, storico e culturale.

“TURISMI ACCESSIBILI” premia quindi l’accessibilità che già esiste nelle varie tipologie di turismo: culturale, enogastronomico, sportivo, congressuale, balneare, montano, termale, scolastico, religioso ecc.

Attraverso questa sua iniziativa, infatti, la onlus Diritti Diretti desidera mostrare a manager pubblici e privati come l’accessibilità può migliorare un territorio e la sua offerta turistico-culturale, con notevoli progressi sulla vivibilità delle persone che lo visitano e lo abitano, oltre che con importanti profitti per il mondo delle imprese.

Alla cerimonia di premiazione parteciperanno:

– Presidente Diritti Diretti, Simona Petaccia 

– Vincitrice Premio del Pubblico 2017, Rosanna Pesce

– Vincitore Premio degli Esperti 2017, IsITT (Istituto Italiano Turismo per Tutti).

Leggi tutto
Giusy Versace

Giusy Versace presenta “Con la Testa e con il Cuore si va Ovunque” spettacolo Teatrale al Manzoni

Giusy-Versace-spettacolo-teatrale-Manzoni-Milano-14-giugno-2017

‘Con la testa e con il cuore si va ovunque’, il 14 giugno 2017 al Teatro Manzoni va in scena lo spettacolo di Giusy Versace. Presentazione mercoledì 31 maggio ore 11 al Mondadori Megastore Piazza Duomo di Milano.

Giusy Versace spettacolo teatrale Manzoni Milano 14 giugno-2017
Giusy Versace spettacolo teatrale Manzoni Milano 14 giugno-2017

Tratto dalla sua autobiografia, Giusy Versace si racconta a teatro dove il sipario del Teatro Manzoni di Milano, mercoledì 14 giugno, si alzerà in uno spettacolo diretto dal regista Edoardo Sylos Labini.

Lo spettacolo “Con la testa e con il cuore si va ovunque” è un racconto, coinvolgente, emozionante, spontaneo ed ironico di una donna coraggiosa che ha fatto di un evento drammatico uno stile di vita solare e pieno di energia. Una testimonianza di gioia, fede e un costante invito a non arrendersi mai davanti a nessun ostacolo. Nato dall’incontro della campionessa paraolimpica con il maestro di ballo Raimondo Todaro nel corso della trasmissione Rai “Ballando con le stelle” che li ha consacrati vincitori dell’edizione 2014.

“La mia vita è divisa a metà, c’è un prima e un dopo. Il confine è un guard-rail che si strappa le mie gambette dal ginocchio in giù, il 22 agosto del 2005. Avevo 28 anni… sapevo chi ero ed ero abituata a contare soprattutto sulle mie forze: questo mi faceva sentire al sicuro, imbattibile. In un secondo è sparito tutto. Di fronte a me, un confine. E una scelta: attraversarlo oppure no. Provare a guardare oltre o rimanere attaccata ad un passato che non esisteva più. Credo di aver fatto la scelta giusta…”  

Il ricavato della serata sarà devoluto all’associazione Disabili No Limits Onlus.

 

Leggi tutto
Cinema e disabilitàHome pageItaliAccessibile News @ltItaliAccessibile NotizieNotizie Disabilità

Cinema e persone con disabilità. Conferenza Biblioteca Nazionale di Napoli

cinema-disabilità

Lunedì 29 maggio 2017, ore 16:30 alla Biblioteca Nazionale di Napoli ci sarà il Convegno “Cinema e persone con disabilità”  organizzato in collaborazione con il Museo tattile statale Omero di Ancona.

Cinema e disabilità
Cinema e disabilità

Il rapporto tra cinema e persone con disabilità nasce tardi, perché solo nel secondo dopoguerra queste persone acquistano una visibilità sociale e vengono riconosciute titolari di diritti e di sostegni alla loro partecipazione alla società.
Il cinema all’inizio tratta il tema alla lontana, con la categorie del “diverso”. Poi alla fine degli anni ‘50 del secolo scorso costruisce i primi personaggi reali. Analizzando la filmografia sull’argomento risulta evidente come il cinema è lo specchio della società ed il modo di trattare i temi della condizione di disabilità abbiano una trasformazione nel tempo. Da un lato i personaggi con disabilità escono “fuori schema”, con identità spesso sfumate o surreali, dall’altro lato si può rilevare una stigmatizzazione negativa in cui i personaggi con disabilità rappresentano i “cattivi” o gli “sventurati”. Nel tempo però i film evidenziano una eoluzione positiva. Questo è molto evidente nella filmografia americana dove da una dimensione drammatica si passa ad una visione realistica, ad una attenzione politico-sociale, fino ad una demitizzazione ed inversione di ruoli degli eroi tradizionali a favore delle persone con disabilità.
L’Italia apporta un contributo significativo in cui il processo di progressiva inclusione  (nella scuola, nel lavoro, nella società) si riflette nei film prima drammatici, ma impegnati, per poi sfociare in narrazioni realistiche e negli ultimi decenni fortemente ironiche.
Negli ultimi anni – anche sulla base di un cambiamento di paradigma che da un modello medico della disabilità si è passati ad un modello bio-psico-sociale basato sul rispetto dei diritti umani – vi è stata un progressiva moltiplicazione delle pellicole dedicate al tema della disabilità, in cui i personaggi con disabilità hanno acquistato uno spessore maggiore e si vanno emancipando da stereotipi tradizionali e buonisti, per divenire personaggi ordinari della vita quotidiana.

Sarà presente al Convegno Francesco Mercurio il Direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli, seguiranno gli interventi di Giampiero Griffo responsabile della Sezione sulle diversità della Biblioteca Nazionale di NapoliCiro Tarantino dell’Università delle Calabrie e Center for governmentality and disability studies “Robert Castel” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Leggi tutto
Scuola & disabilità

Disabilità ed Istruzione: ho realizzato un sogno laureandomi

domenico-foglia-laurea

di Domenico Foglia

La mia esperienza di studio, vuole essere un monito, per tutti i ragazzi come me che hanno una disabilità fisica: non smettete mai, di allenare il cervello, tenetelo sempre impegnato.

Domenico Foglia- Laurea
Domenico Foglia- Laurea

Tutto iniziò , quando un giorno un professore universitario di Napoli, venne a casa e mi fece vedere su internet una Università Telematica, “L’università telematica internazionale Uninettuno di Roma, e mi disse: perché non ti iscrivi a questa Università è molto organizzata e a distanza di anni lo ringrazio.

Ammetto, che la mia prima reazione a questa proposta è stata negativa, poi però dopo un confronto con mia madre e al suo sostegno e anche al sostegno della mia famiglia mi sono convinto a iscrivermi. E così è iniziata la mia avventura universitaria.
Ammetto, che io ho avuto un metodo di studio troppo superficiale, facevo il riassunto delle videolezioni, (inserendo solo le cose più importanti), e solo qualche volta ho letto i libri. Fino a quando, ho conosciuto un collega, grazie al quale, ho scoperto che su Facebook, c’erano dei gruppi per ogni materia universitaria, creati dagli altri colleghi universitari, questo, oltre a farmi preparare per gli esami, mi ha permesso , soprattutto mi ha permesso di fare conoscenza con delle bravissime persone, con il quale, ho condiviso la mia avventura universitaria, perché io sono dell’idea che lo studio significa anche condivisione.
La mia avventura universitaria si è conclusa da poco, il 21 marzo 2017 mi sono laureato presso Università Telematica Internazionale UniNettuno di Roma in Scienze della Comunicazione.

La mia esperienza, vuole essere un monito , per tutti i ragazzi : non smettete mai, di allenare il cervello , tenetelo sempre impegnato .

Leggi tutto
1 2 3 46
Page 1 of 46
Dimensione carattere
Designed by

best down free | web phu nu so | toc dep 2017

Advertisment ad adsense adlogger