ItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibileItaliAccessibile Privacy Policy
close

ItaliAccessibile Notizie

ItaliAccessibile – News sul Turismo Acessibile, accessibilità e sport disabile

Diritti dei disabiliFISHHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie dalle Associazioni PartnerNotizie Disabilità

Conferenza di Consenso sulla segregazione delle persone con disabilità promossa dalla FISH Onlus

fish-liberare-segregazione-disabili

Conferenza di Consenso sulla segregazione delle persone con disabilità” promossa dalla FISHSi è conclusa la “Conferenza di Consenso sulla segregazione delle persone con disabilità” promossa dalla FISH con l’intento di restituire centralità ad un tema drammatico, troppo spesso considerato marginale o eccezionale: la segregazione delle persone con disabilità. È la prima volta che il movimento delle persone con disabilità lancia una sfida politica, culturale, scientifica, organizzativa sulla segregazione.

La prima sfida è immediata: in Italia persistono servizi e strutture residenziali dove le persone con disabilità e gli anziani non autosufficienti vivono in condizioni segreganti e subiscono trattamenti inumani e degradanti. Il consolidato sospetto che i fatti di cronaca, le indagini delle autorità competenti, le azioni penali rappresentino solo una minima parte delle situazioni vissute impone di chiedere a gran forza una immediata verifica e un impegno politico a chiudere e convertire queste strutture.

Sono 273.316 le persone con disabilità ospiti dei presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari. Oltre l’83% sono anziani non autosufficienti, che nella quasi totalità dei casi vivono in strutture che non riproducono le condizioni di vita familiari. Nel 2016, tra le violazioni penali più frequenti, l’Arma dei Carabinieri rileva 114 casi di maltrattamenti, 68 di abbandono d’incapace, 16 di lesioni personali e 16 di sequestro di persona.

Accanto a questa segregazione, brutale e conclamata, si rilevano altre modalità più subdole e ugualmente inumane pur senza che da ciò derivino condizioni di vita materiali degradanti, maltrattamenti e violenze. Sono gli ambiti in cui si ripropone la separazione, l’isolamento, la contrazione delle elementari libertà individuali. Servizi in cui prevale una concezione sanitaria e ospedaliera che trasforma chi ne è ospite in “paziente”, “malato” e non più persona con il diritto di vivere normalmente la sua vita e le sue relazioni interpersonali. E dalla Conferenza emerge come queste “residenze totali” siano in particolare rivolte alle persone con limitazioni di natura intellettiva o di salute mentale.

Attualmente i criteri di accreditamento delle strutture sono prettamente incentrati sui requisiti strutturali che non riescono a distinguere i servizi che lavorano per l’inclusione da quelli che si possono definire segreganti. Dalla Conferenza di Consenso emerge la convinzione che i criteri di accreditamento debbano invece riguardare sempre più processi interni alle strutture, focalizzati sulla personalizzazione dei progetti di vita, sui supporti, sulla interazione col territorio e le comunità locali. È ora di modificare anche le impostazioni “finanziarie” centrandole non sulla copertura delle rette e quindi sull’autoconservazione dei servizi stessi, ma orientandole alla definizione delle risorse necessarie alla realizzazione del progetto di vita della persona con disabilità, rendendo esigibile la libertà di scelta della persona con disabilità, favorendo la deistituzionalizzazione e la progressiva crescita dell’autonomia personale.

La Conferenza si chiude quindi con una certezza: si è aperto un cantiere con tre impegnative linee di azione: “liberare” il prima possibile le persone con disabilità che vivono in situazioni inumane e degradanti; individuare con certezza le strutture da ritenere segreganti e quindi da chiudere o convertire, ma anche delineare nuovi modelli inclusivi di servizi e sostegni per l’abitare.

Su questa terza linea di azione la qualificata giuria che ha supportato la Conferenza promossa da FISH ha apprezzato lo sforzo di individuazione dei rischi di segregazione degli attuali servizi residenziali. Ha però suggerito di proseguire nel lavoro di dettaglio rovesciandone la logica, ossia definire indicatori e check list che promuovano la qualità dei servizi per l’abitare, valorizzando il lavoro prodotto dall’Osservatorio Nazionale Disabilità e dalla recente Norma UNI 11010:2016 che fissa appunto indicazioni – finalmente aderenti alla Convenzione ONU – sui “Servizi per l’abitare e servizi per l’inclusione sociale delle persone con disabilità”.

Il lavoro ora prosegue innanzitutto a livello politico e istituzionale con richieste immediate e relative alle emergenze umane. In questo FISH confida di contare anche sul supporto del “Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale” che ha partecipato alla Conferenza annunciando un lavoro di studio e concreta verifica sul tema.

Prosegue anche l’approfondimento tecnico e scientifico su modelli organizzativi, criteri, elaborazioni, con la ricerca di un confronto più stretto anche con Regioni e Comuni.

Leggi tutto
Diversamente AbiliHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie DisabilitàRomaTeatro

Lo spettacolo teatrale “Sogno di una Notte di Mezza Estate” interpretato da allievi con disabilità

notte-di-mezza-estate-

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE 

(regia Marta Iacopini)

martedì 20 giugno 2017 – ore 20.30 

Teatro Brancaccio – via Merulana, 244 Roma

 

Una rilettura in chiave moderna dell’opera di W. Shakespeare, realizzato nell’ambito del progetto “Laboratorio teatrale integrato per persone disabili adulteʺ, finanziato da Roma Capitale – Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute.

 

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

L’adattamento dello spettacolo, diretto dalla regista Marta Iacopini, interpretato dagli allievi con e senza disabilità dell’Accademia L’Arte nel Cuore Onlus di Daniela Alleruzzo, ha lasciato intatta la storia originale che ruota attorno alle vicende amorose di Ermia e Lisandro, Elena e Demetrio, complicate dall’arrivo del folletto Puck che crea scompiglio tra gli amanti.

 

Lo spettacolo è realizzato grazie al sostegno di SIAE, POSTE ITALIANE, L’OREAL ITALIA, SISAL, BCC ROMA, EXXON MOBIL, STUDIO ZITO, IL FIORE DEL DESERTO, BARDI EDIZIONI, UNIVERSITA’ NICCOLO’ CUSANO, DIMENSIONE SUONO 2, CNB COMUNICAZIONE

per maggiori informazioni: info@artenelcuore.it

Leggi tutto
AccessibilitàMacerataNotizie DisabilitàPercorsi AccessibiliTeatro

I Servizi di Accessibilità per l’Opera Festival 2017 di Macerata

Macerata-opera-festival
Macerata Opera Festival Accessibilità
Macerata Opera Festival Accessibilità

In occasione del Macerata Opera Festival 2017 ed in collaborazione con Università di Macerata e Museo Tattile Omero sono stati ideati dei percorsi specifici per persone con disabilità visiva o di altro tipo che permettono di apprezzare le scenografie e gli strumenti musicali utilizzati per gli spettacoli.

Il primo appuntamento si terrà venerdì 28 luglio alle 18:45 “alla scoperta della scena” con un percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino).

Mentre alle 21 è in scena “Madama Butterfly” con audio-descrizioni.

Sabato 29 luglio, ore 18.45 ci sarà la scoperta dei costumi con un percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino). 

Alle 21, Turandot con audio-descrizioni.

Domenica 30 luglio, ore 18.45, Alla scoperta degli strumenti
Percorso gratuito, aperto a gruppi di massimo 35 persone.
È ammessa la presenza di un accompagnatore per ciascun partecipante (per persone con disabilità visiva) e di un amico (per ogni bambino).

Alle 21, Aida con audio-descrizioni

Dal 2010 il Macerata Opera Festival, in collaborazione con l’Università di Macerata, e sotto la supervisione della prof.ssa Elena di Giovanni, offre la sopratitolazione dal vivo di tutte le opere in cartellone. I sopratitoli, che riportano  i testi delle opere, vengono proiettati sul muro di fondo, in entrambi i lati, e  svolgono la preziosa funzione di rendere accessibili i libretti operistici a tutto il pubblico dello Sferisterio, fondendosi armoniosamente con la scenografia e le luci dello spettacolo.

Per le serate più importanti del Festival sono previste delle audio descrizioni degli spettacoli. Queste intendono fornire a ipovedenti e non vedenti una precisa descrizione delle opere rappresentate, a partire dall’allestimento fino ad arrivare ai costumi, gli attrezzi di scena, le scelte di regia e i principali movimenti degli artisti e delle scenografie. Tutto ciò che rappresenta elemento visivo fondamentale ai fini della comprensione dello spettacolo verrà quindi descritto.

La ricezione avviene attraverso una cuffia mono auricolare fornita ai non vedenti al posto da loro prenotato.  Le descrizioni vengono fornite principalmente prima dell’inizio dello spettacolo e durante le pause. Brevi descrizioni sono fornite occasionalmente anche durante lo spettacolo. Il servizio è completamente gratuito e dal 2015 si arricchisce della possibilità di scaricare in anticipo le parti introduttive da questa sezione del sito.
Per usufruire al meglio del servizio di audio descrizione durante le tre serate si raccomanda di arrivare con almeno 20 minuti di anticipo e sedersi al proprio posto, indossando la cuffia.

Serate con audio descrizioni:

MADAMA BUTTERFLY 28 luglio

TURANDOT 29 luglio

AIDA 30 luglio

SHI (Si faccia) 2 agosto

 

Leggi tutto
Teatro

10 e 11 giugno a Matera “Un Viaggio tra i Sensi”

Sassi-di-Matera

Sassi di Matera

Il 10 e 11 giugno 2017 a Matera sarà di scena il Teatro multisensoriale in Cattedrale con due opere teatrali tratte da racconti di Stefano Benni e Italo Calvino in una nuova dimensione. La vista abbandona la scena e lascia spazio agli altri sensi. Le parole si fanno più intense, i rumori più vividi, gli odori più forti ed in questa atmosfera ovattata ci ritroveremo immersi nella rappresentazione.

L’Evento promosso da I.T.R.I.A. – Comitato per la promozione culturale, interreligiosa ed accessibile e saranno presenti anche i fondatori di I.T.R.I.A., Don Valerio Pennasso (Direttore dell’Ufficio nazionale della CEI per i Beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto), Sharif Lorenzini (Presidente della Comunità islamica d’Italia), Rav. Dr.Umberto Avraham Piperno (Rabbino Emerito del Sud Italia).

L’ingresso all’Evento nelle giornate del 10 e 11 giugno è completamente gratuito.
E’ obbligatoria la prenotazione online che sarà disponibile sul sito http://www.itria.org

No tags for this post.
Leggi tutto
Turismo Accessibile

Premio Nazionale ‘Turismi accessibili’“. Il 27 maggio a Pescara

turismi-accessibili-Simona-Petaccia

Cerimonia di consegna del premio nazionale ‘Turismi accessibili’ sabato 27 maggio 2017 a Pescara.

Turismo Accessibili
Turismo Accessibili

Sabato 27 maggio alle ore 10:30 presso il “Parco dei Sogni” in via Mafalda di Savoia a Pescara ci sarà la cerimonia di consegna dei riconoscimenti relativi al suo premio nazionale “Turismi accessibili – Giornalisti, Comunicatori e Pubblicitari superano le barriere” (www.turismipertutti.it) con il patrocinio della Camera dei Deputati alla onlus Diritti Diretti .

“TURISMI ACCESSIBILI” premia articoli, servizi radio-televisivi, spot pubblicitari, video e campagne di comunicazione realizzati da giornalisti, pubblicitari e comunicatori per raccontare chi è riuscito a produrre sviluppo socio-economico unendo i concetti di attrattività, innovazione, estetica e/o sostenibilità alla cultura dell’accessibilità.

Lo scopo del premio è di dare visibilità alle buone pratiche utilizzate da realtà pubbliche e private (enti, aziende, istituzioni culturali, associazioni ecc.) che, operando direttamente o indirettamente nel settore del Turismo e della Cultura in Italia, abbiano reso la visita e la fruizione dei luoghi un evento piacevole per tutti.

In sostanza, il premio è dedicato a chi ha superato gli ostacoli architettonici, ambientali e culturali per una fruizione agevole e sicura di mezzi di trasporto, strutture turistico-ricettive o di luoghi d’interesse artistico, storico e culturale.

“TURISMI ACCESSIBILI” premia quindi l’accessibilità che già esiste nelle varie tipologie di turismo: culturale, enogastronomico, sportivo, congressuale, balneare, montano, termale, scolastico, religioso ecc.

Attraverso questa sua iniziativa, infatti, la onlus Diritti Diretti desidera mostrare a manager pubblici e privati come l’accessibilità può migliorare un territorio e la sua offerta turistico-culturale, con notevoli progressi sulla vivibilità delle persone che lo visitano e lo abitano, oltre che con importanti profitti per il mondo delle imprese.

Alla cerimonia di premiazione parteciperanno:

– Presidente Diritti Diretti, Simona Petaccia 

– Vincitrice Premio del Pubblico 2017, Rosanna Pesce

– Vincitore Premio degli Esperti 2017, IsITT (Istituto Italiano Turismo per Tutti).

Leggi tutto
Giusy Versace

Giusy Versace presenta “Con la Testa e con il Cuore si va Ovunque” spettacolo Teatrale al Manzoni

Giusy-Versace-spettacolo-teatrale-Manzoni-Milano-14-giugno-2017

‘Con la testa e con il cuore si va ovunque’, il 14 giugno 2017 al Teatro Manzoni va in scena lo spettacolo di Giusy Versace. Presentazione mercoledì 31 maggio ore 11 al Mondadori Megastore Piazza Duomo di Milano.

Giusy Versace spettacolo teatrale Manzoni Milano 14 giugno-2017
Giusy Versace spettacolo teatrale Manzoni Milano 14 giugno-2017

Tratto dalla sua autobiografia, Giusy Versace si racconta a teatro dove il sipario del Teatro Manzoni di Milano, mercoledì 14 giugno, si alzerà in uno spettacolo diretto dal regista Edoardo Sylos Labini.

Lo spettacolo “Con la testa e con il cuore si va ovunque” è un racconto, coinvolgente, emozionante, spontaneo ed ironico di una donna coraggiosa che ha fatto di un evento drammatico uno stile di vita solare e pieno di energia. Una testimonianza di gioia, fede e un costante invito a non arrendersi mai davanti a nessun ostacolo. Nato dall’incontro della campionessa paraolimpica con il maestro di ballo Raimondo Todaro nel corso della trasmissione Rai “Ballando con le stelle” che li ha consacrati vincitori dell’edizione 2014.

“La mia vita è divisa a metà, c’è un prima e un dopo. Il confine è un guard-rail che si strappa le mie gambette dal ginocchio in giù, il 22 agosto del 2005. Avevo 28 anni… sapevo chi ero ed ero abituata a contare soprattutto sulle mie forze: questo mi faceva sentire al sicuro, imbattibile. In un secondo è sparito tutto. Di fronte a me, un confine. E una scelta: attraversarlo oppure no. Provare a guardare oltre o rimanere attaccata ad un passato che non esisteva più. Credo di aver fatto la scelta giusta…”  

Il ricavato della serata sarà devoluto all’associazione Disabili No Limits Onlus.

 

Leggi tutto
Cinema e disabilitàHome pageItaliAccessibile News @ltItaliAccessibile NotizieNotizie Disabilità

Cinema e persone con disabilità. Conferenza Biblioteca Nazionale di Napoli

cinema-disabilità

Lunedì 29 maggio 2017, ore 16:30 alla Biblioteca Nazionale di Napoli ci sarà il Convegno “Cinema e persone con disabilità”  organizzato in collaborazione con il Museo tattile statale Omero di Ancona.

Cinema e disabilità
Cinema e disabilità

Il rapporto tra cinema e persone con disabilità nasce tardi, perché solo nel secondo dopoguerra queste persone acquistano una visibilità sociale e vengono riconosciute titolari di diritti e di sostegni alla loro partecipazione alla società.
Il cinema all’inizio tratta il tema alla lontana, con la categorie del “diverso”. Poi alla fine degli anni ‘50 del secolo scorso costruisce i primi personaggi reali. Analizzando la filmografia sull’argomento risulta evidente come il cinema è lo specchio della società ed il modo di trattare i temi della condizione di disabilità abbiano una trasformazione nel tempo. Da un lato i personaggi con disabilità escono “fuori schema”, con identità spesso sfumate o surreali, dall’altro lato si può rilevare una stigmatizzazione negativa in cui i personaggi con disabilità rappresentano i “cattivi” o gli “sventurati”. Nel tempo però i film evidenziano una eoluzione positiva. Questo è molto evidente nella filmografia americana dove da una dimensione drammatica si passa ad una visione realistica, ad una attenzione politico-sociale, fino ad una demitizzazione ed inversione di ruoli degli eroi tradizionali a favore delle persone con disabilità.
L’Italia apporta un contributo significativo in cui il processo di progressiva inclusione  (nella scuola, nel lavoro, nella società) si riflette nei film prima drammatici, ma impegnati, per poi sfociare in narrazioni realistiche e negli ultimi decenni fortemente ironiche.
Negli ultimi anni – anche sulla base di un cambiamento di paradigma che da un modello medico della disabilità si è passati ad un modello bio-psico-sociale basato sul rispetto dei diritti umani – vi è stata un progressiva moltiplicazione delle pellicole dedicate al tema della disabilità, in cui i personaggi con disabilità hanno acquistato uno spessore maggiore e si vanno emancipando da stereotipi tradizionali e buonisti, per divenire personaggi ordinari della vita quotidiana.

Sarà presente al Convegno Francesco Mercurio il Direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli, seguiranno gli interventi di Giampiero Griffo responsabile della Sezione sulle diversità della Biblioteca Nazionale di NapoliCiro Tarantino dell’Università delle Calabrie e Center for governmentality and disability studies “Robert Castel” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Leggi tutto
Scuola & disabilità

Disabilità ed Istruzione: ho realizzato un sogno laureandomi

domenico-foglia-laurea

di Domenico Foglia

La mia esperienza di studio, vuole essere un monito, per tutti i ragazzi come me che hanno una disabilità fisica: non smettete mai, di allenare il cervello, tenetelo sempre impegnato.

Domenico Foglia- Laurea
Domenico Foglia- Laurea

Tutto iniziò , quando un giorno un professore universitario di Napoli, venne a casa e mi fece vedere su internet una Università Telematica, “L’università telematica internazionale Uninettuno di Roma, e mi disse: perché non ti iscrivi a questa Università è molto organizzata e a distanza di anni lo ringrazio.

Ammetto, che la mia prima reazione a questa proposta è stata negativa, poi però dopo un confronto con mia madre e al suo sostegno e anche al sostegno della mia famiglia mi sono convinto a iscrivermi. E così è iniziata la mia avventura universitaria.
Ammetto, che io ho avuto un metodo di studio troppo superficiale, facevo il riassunto delle videolezioni, (inserendo solo le cose più importanti), e solo qualche volta ho letto i libri. Fino a quando, ho conosciuto un collega, grazie al quale, ho scoperto che su Facebook, c’erano dei gruppi per ogni materia universitaria, creati dagli altri colleghi universitari, questo, oltre a farmi preparare per gli esami, mi ha permesso , soprattutto mi ha permesso di fare conoscenza con delle bravissime persone, con il quale, ho condiviso la mia avventura universitaria, perché io sono dell’idea che lo studio significa anche condivisione.
La mia avventura universitaria si è conclusa da poco, il 21 marzo 2017 mi sono laureato presso Università Telematica Internazionale UniNettuno di Roma in Scienze della Comunicazione.

La mia esperienza, vuole essere un monito , per tutti i ragazzi : non smettete mai, di allenare il cervello , tenetelo sempre impegnato .

Leggi tutto
AccessibilitàHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie DisabilitàTecnologia e Accessibilità

I 7 video dedicati all’accessibilità pubblicati da Apple

apple-accessibilità

In occasione della Giornata Mondiale dell’Accessibilità che ricorre il 21 maggio 2017, Apple ha pubblicato una serie di video che mostrano come persone reali affette da diverse disabilità sfruttino le varie funzioni offerte da Apple su macOS, iOS e Apple Watch.

Il primo video mostra Carlos, cantante e batterista dei Distartica, mentre utilizza l’iPhone tramite VoiceOver per pubblicare aggiornamenti online sulla pagina Facebook della band, per scattare foto e per eseguire altre operazioni.

Il secondo video mostra Andrea, uno studente infermieristico, mentre utilizza l’Apple Watch per tenere traccia dei suoi allenamenti sulla sedia a rotelle e condividere le sue attività con gli amici.

Carlos è il cantante e batterista dei Distartica, e utilizza l’iPhone tramite VoiceOver per pubblicare aggiornamenti online sulla pagina Facebook della band, per scattare foto e per eseguire altre operazioni.

Andrea è uno studente infermieristico e utilizza l’Apple Watch per tenere traccia dei suoi allenamenti sulla sedia a rotelle e condividere le sue attività con gli amici.

Meera ama il calcio e comunica utilizzando TouchChat su iPad.

Carlos è il cantante e batterista dei Distartica, e utilizza l’iPhone tramite VoiceOver per pubblicare aggiornamenti online sulla pagina Facebook della band, per scattare foto e per eseguire altre operazioni.

Andrea è uno studente infermieristico e utilizza l’Apple Watch per tenere traccia dei suoi allenamenti sulla sedia a rotelle e condividere le sue attività con gli amici.

Meera ama il calcio e comunica utilizzando TouchChat su iPad

Patrick è un DJ radiofonico e produttore musicale che utilizza Logic Pro X tramite VoiceOver. E’ anche un appassionato di cucina, e prepara le sue ricette utilizzando l’app TapTapSee per identificare gli ingredienti tramite fotocamera dell’iPhone.

Shane gestisce un coro e insegna musica tramite l’app Essential Elements per iPad

Ian ama esplorare il Pacifico e utilizza Siri per avviare chiamate FaceTime o app specifiche che utilizza nei suoi viaggi.

Todd gestisce un’azienda di consulenza tecnologica e sfrutta HomeKit e Siri per gestire luci, speaker, sistemi di sicurezza e serrature.

Leggi tutto
Diversamente AbiliHome pageItaliAccessibile NotizieNotizie Disabilità

La sicurezza dei disabili su Facebook: la mia disavventura, incappato in un profilo falso

facebook

di Domenico Foglia

Alcuni anni fa, mentre stavo chattando su Facebook, mi è arrivata una richiesta di amicizia, di una ragazza, che si è presentata a me con il nome di Stella Catalano .

Facebook
Facebook

Ma partiamo dall’inizio. Come vi dicevo, io cominciai a parlare e si presentò a me con il nome di Stella Catalano scoprendo che anche lei, come me, era una fan della più longeva e famosa soap opera napoletana di Rai tre.

Continuando a chattare mi disse che aveva creato una pagina Facebook dedicata alla soap e mi chiese di gestirla insieme, io entusiasta della proposta, accettai di collaborare ed entrammo cosi in confidenza, lei si apri molto con me tanto da dirmi che si era affezionata.

Ma torniamo alla questione della pagina Facebook. Per i primi tempi, la gestione della pagina andava bene e cresceva sempre di più, ottenendo sempre più mi piace, fino a quando, una mattina accadde qualcosa di strano, mi sono collegato e la pagina non c’era più, ma, la cosa ancora più strana è che anche quella ragazza, era scomparsa, si era cancellata da Facebook.

Ma le sorprese non sono finite. Recentemente, sono stato contattato da un ragazzo, (del quale per questioni di privacy, non rivelerò il suo nome),che ha conosciuto anche lui questa Stella Catalano, che gli aveva confessato di essersi innamorato di lui, lo chiamava sul telefonino, lui le chiese di incontrarla, ma lei si è sempre rifiutata.

Insomma, per farvela breve questa Stella Catalano, non esiste, era un profilo falso , addirittura questa ragazza si nascondeva sotto diversi profili falsi , sta di fatto che, ad oggi, non si è riuscito a scoprire la vera identità della ragazza.

Nel sentire queste parole, da parte di quel ragazzo, io ci rimasi male, perché io e lui siamo stati presi in giro, anche perché io mi ero affezionato.

Ho deciso di raccontare questa mia disavventura, affinchè quello che successo a me non capiti ad altri ragazzi.

Ai ragazzi e ragazze come me dico: aprite gli occhi,quando siete su Facebook, perchè le cosidette “truffe sentimentali”, molte volte anche con richieste di soldi, sono dietro l’angolo.

Leggi tutto
AccessibilitàBarriere ArchitettonicheCasalbore (Av)Home pageItaliAccessibile NotizieMusei AccessibiliNotizie DisabilitàProposte vacanze accessibiliTurismo Accessibile

Convegno Casalbore (Av), “Le aree rurali in cammino verso lo sviluppo turistico”. Partecipa ItaliAccessibile

accessibilità-museo-castelli-casalbore-2

Convegno Casalbore (Av), “Le aree rurali in cammino verso lo sviluppo turistico”. Partecipa ItaliAccessibile con sopralluogo per l’accessibilità alla Torre Normanna di Casalbore(Av)

Convegno Casalbore(Av)
Convegno Casalbore(Av)

Sabato 6 maggio si è tenuto il convegno dal titolo “Le aree rurali in cammino verso lo sviluppo turistico”presso la Sala Consiliare del Comune di Casalbore (AV) al quale è stato invitato come relatore Pierpaolo Capozzi di ItaliAccessibile- Circolo Ass. L’Ancora.

L’incontro, organizzato dall’Associazione Slow Tourism Campania, pertinente all’Associazione Slow Tourism Nazionale e dall’Associazione Terre di Campania, al centro del confronto sono state le dinamiche di sviluppo turistico prospettiva del turismo rurale, particolarmente lungo il percorso dei cammini di fede che attraversano la provincia Irpina e dei Comuni limitrofi (Via Francigena del Sud, Via Traiana, Regio Tratturo e della Torre Normanna (XII secolo) di Casalbore sede del Museo dei Castelli.

L’area della valle del Miscano, del Fortore e del Cervaro, dove insistono questi comuni(come Casalbore,Buonalbergo, Paduli, Ariano Irpino ecc..) è appunto solcato da antiche vie, quali: la via Traiana, importante arteria del mondo romano, la via Francigena, percorsa dai pellegrini diretti verso la Terra Santa sulla direttrice Roma-Brindisi, e il Regio Tratturo, antica strada della transumanza. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’attività territoriale svolta da Slow Tourism Campania che, in accordo con la politica dell’associazione nazionale, mira a promuovere il turismo dell’accoglienza in Italia e all’estero.

Numerosi sono stati gli interventi : i saluti Raffaele Fabiano, Sindaco del Comune di Casalbore, l’introduzione di Giuseppe Ottaiano, Fondatore del Progetto Turistico Terre di Campania, si sono inoltre avvicendati gli interventi di: Carlo Scatozza, Presidente Comm. Prom. Slow Tourism Campania; Eugenio Gervasio, Direttore Sviluppo Campania; ; Rosanna Romano, Direttore Generale Turismo e Beni Culturali; Giovanni Maria Chieffo, Presidente GAL Irpinia, le conclusioni sono state affidate a Maurizio Petracca, Presidente Commissione Agricoltura Regione Campania, ha moderato Simone Ottaiano. Presidente Ass. Culturale Terre di Campania.

Pierpaolo Capozzi nel suo intervento ha sottolineato l’attenzione verso l’accessibilità delle aree interne della Campania, sopratutto verso le vie dei cammini e di rendere accessibili a tutti  sentieri e luoghi naturalistici.

Uno degli aspetti positivi del post incontro è stata la visita alla Torre Normanna di Casalbore sede del Museo dei Castelli (http://www.museodeicastelli.it/) che nonostante sia del inizio del XII secolo nella sua maestosa bellezza è stata resa fruibile anche alle persone con disabilità motoria attraverso un montascale (foto) che per l’occasione è stato “collaudato ” da Maria Venditti vice presidente ItaliAccessibile.it, entusiasta anche Pierpaolo Capozzi, presidente della sopracitata associazione il quale ha ribadito l’importanza di questi eventi:<<Per turismo accessibile, infatti, si intende l’insieme di servizi e strutture in grado di permettere a persone con esigenze speciali, la fruizione della vacanza e del tempo libero senza ostacoli e difficoltà. Turismo per Tutti, turismo inclusivo, turismo senza barriere. Il diritto a viaggiare entra a pieno titolo tra i diritti fondamentali della persona e diventa primaria la riflessione sul riconoscimento di esso come garanzia di pari dignità e opportunità tra cittadini. L’accessibilità, perciò, non è solo un obiettivo da raggiungere attraverso accorgimenti di carattere architettonico, ma prima e soprattutto, un obiettivo sociale, civile e democratico >> .In conclusione, ben vengano questo tipo di eventi che favoriscono l’inclusione e lo sviluppo sostenibile ed accessibile.

 

Leggi tutto
Diritti dei disabiliHome pageItaliAccessibile NotizieLavoro & disabilitàNotizie Disabilità

VergissMeinNicht, Alto Adige: un progetto crowdfunding di inclusione che aiuta i giovani “che vivono sul confine”

VergissMeinNicht

VergissMeinNicht (lett. nontiscordardime) è un progetto di inclusione che aiuta i giovani “che vivono sul confine” a trovare un posto nella realtà quotidiana e lavorativa della nostra società.

VergissMeinNicht
VergissMeinNicht

Si parla di persone definite “che vivono sul confine”, che pur non essendo con disabilità, non possono essere considerate alla pari di individui con un normale processo di sviluppo psico-fisico. Sono persone che sanno di essere “diverse” e che vivono male il fatto di non riuscire a stare al passo con i ritmi serrati del mercato del lavoro. Anche loro hanno bisogno di svolgere un’attività gratificante, di affrontare nuove sfide, di crescere.

Alla base di VergissMeinNicht c’è una storia molto personale. “In quanto genitori e amici di una giovane ragazza affetta da disabilità, abbiamo sperimentato il “buco nel sistema” sulla nostra pelle” approfondisce Regensberger, co-fondatrice della cooperativa. Da questo disagio, due anni fa, è maturata la decisione di costituire la cooperativa sociale quale nuovo modello di vita. Inizialmente con l’obiettivo di creare un posto di lavoro adeguato per persone in condizioni analoghe alla nostra. Nel laboratorio di cucito sono realizzati vestiti e oggetti di uso quotidiano da materiali pregiati. Anche su misura. Pezzi unici che nascono dalla collaborazione con artisti locali, note aziende tessili, case di moda e istituti di settore. Le creazioni sartoriali si distinguono per tagli semplici, un indosso perfetto e uno stile senza tempo.

Ora, VergissMeinNicht ha lanciato una campagna Crowdfunding sulla piattaforma Crowdfunding Alto Adige per finanziare i progetti futuri e garantire oggi come domani l’assistenza e l’accompagnamento professionale dei giovani “che vivono sul confine” da parte di pedagoghi sociali. Il traguardo economico di questa campagna è 9.000€. “La nostra speranza è che questa campagna ci aiuti anche ad accrescere la nostra visibilità e che incoraggi coloro che vivono una situazione analoga a seguire la propria strada” dice Regensberger.

Tutti gli interessati possono accedere al progetto su www.crowdfunding-altoadige.it e sostenerlo fino al 30 giugno. È possibile fare una donazione semplice o di ricevere in cambio al sostegno finanziario un prodotto di alta qualità che saranno realizzati dopo il termine della campagna. Per aziende c’è la possibilità di prenotare un box di regalo o regali promozionali per i propri collaboratori o clienti.

Leggi tutto
Dora Una Voce per un Aiuto

Dora una Voce per un Aiuto – Puntata del 7 maggio 2017

dora-una-voce-per-un-aiuto-web-radio

Dora una Voce per un Aiuto – Puntata del 7 maggio 2017

Web Radio Sociale di Dora Millaci @DoraMillaci

Sfilata semiseria per cani, Sindrome di Usher, Blind Verbal Behavior tiene un corso, Manifestazione Naz. UILDM, Walk Of Like Napoli 2017, poesia vincitrice Mini-concorso, presentazionee libro di Zoe Rondini “Nata Viva” autobiografico, autismo e scuola, Appello per centro Riabilitativo Santa Lucia, Seminario a Genova su Cyberbullismo, Firma petizione per Abramo Zampella. Sondaggi.

No tags for this post.
Leggi tutto
Home pageItaliAccessibile NotizieNotizie Disabilità

Disabilità e Fede: la fede Cattolica vista attraverso gli occhi di un disabile

chiesa-disabilità

Premettiamo, che il blog ItaliAccessibile, è rispettoso verso qualsiasi fede, religione ed anche verso chi non ha una fede.

Oggi, vogliamo trattare l’argomento “la Fede e la Disabilità” raccogliendo la testimonianza personale di un un nostro collaboratore con disabilità motoria, il quale, parla del suo rapporto con la fede Cattolica.

di Domenico Foglia

Fede e disabilità
Fede e disabilità

Mi chiamo Domenico Foglia, sono un ragazzo affetto da una disabilità motoria (tetraparesi spastica) e da un po di tempo collaboro con questo blog. Non vi nego che io, non sono un frequentatore assiduo della chiesa, per capirci, sono un cattolico non praticante, la frequento solo in occasioni speciali (Battesimi, Comunioni, Cresime e Matrimoni), perché io sono dell’idea, che per essere un buon cattolico, non bisogna necessariamente andare a messa, ma possiamo pregare benissimo anche standocene a casa.

Alcuni anni fa, quando ero a New York (io sono stato a New York, dove per alcuni anni mi sono operato e ho fatto le terapie), una notte ho sognato di essere in un cartone animato, e di avere incontrato un uomo che diceva di essere Gesù, e al quale ho chiesto: “me lo fai il miracolo?” Lui mi rispose di no, perché io non me lo meritavo e che il miracolo lo doveva fare ai ragazzi più bravi di me. Sta di fatto, che io ancora oggi, non ho capito, quale fosse il significato di quel sogno.

Alle volte mi viene qualche momento di sconforto, tanto da farmi esclamare tra me e me: perché proprio a me? A questa domanda, in un primo momento, non ho saputo dare una risposta, poi con il passare degli anni, ho metabolizzato questa cosa e ho capito, che forse il Signore è come se avesse voluto mettermi alla prova, togliendomi si delle cose, ma restituendomele sotto un’altra forma, non per fare il presuntuoso ma, io mi ritengo di essere una persona molto intelligente e proprio la mia intelligenza mi ha permesso di raggiungere grandi risultati, infatti, il 21 Marzo 2017, mi sono laureato.

In fondo, noi dobbiamo ritenerci fortunati, perché ci sono cose ben più gravi di queste, perché ricordatevi che la vita è degna di essere vissuta sempre, anche da paralizzato, anche da intubato, anche da febbricitante e piegato.

In conclusione dico a tutti i ragazzi come me, di non porsi limiti, perché, i limiti esistono solo negli occhi di chi non ha sogni.

Leggi tutto
Sport Disabili

Tennis in carrozzina: ad Alghero arrivano 24 nazioni

Houdet-tennis-carrozzina

Al via il Campionato del Mondo a squadre di tennis in carrozzina in programma dal 1° al 7 maggio sui campi in green-set del Tc Alghero e dell’Hotel Baia di Conte.

Un appuntamento di grande prestigio, organizzato dalla società Sardinia Open diretta da Alberto Corradi e Giovanna Scanu che si svolge in Sardegna dopo le edizioni disputate a Tremosine sul Lago di Garda e a Cremona.

Stephane HOUDET - Tennis in carrozzina: ad Alghero
Stephane HOUDET – Tennis in carrozzina: ad Alghero

La “World Team Cup Bnp Paribas Wheelchair Tennis” presentato nella sede della Fondazione Meta ad Alghero e porterà atleti e un movimento di persone di oltre 500 unità. Saranno rappresentate 24 nazioni divise in 42 squadre e 4 categorie: 16 paesi maschili, 12 femminili, 8 quad e 8 junior. Un festival di campioni mai visto in Italia dove si cimenteranno le grandi firme del tennis internazionale.

saranno presenti i francesi Houdet (numero uno al mondo) e Peifer, l’inglese Reid numero tre al mondo e vincitore delle ultime Paralimpiadi di Rio. A livello femminile le “olandesi volanti” Griffioen, De Groot e Van Koo, rispettivamente numero uno, tre e cinque al mondo. Nella rappresentativa azzurra che, pur orfana del pluricampione italiano Fabian Mazzei, si presenterà al via con diversi nomi di prestigio come Antonio Cippo, Silviu Cilea e Ivan Tratter.

Il 30 aprile è previsto il sorteggio dei vari tabelloni all’Hotel Baia di Conte, mentre il 1° maggio alle ore 9.30 prenderanno il via le gare maschili al Tc Alghero e quelle femminili al Baia di Conte. Sempre il 1° maggio prologo di lusso con Elisabetta Canalis, madrina della manifestazione, che nella cornice del porto di Alghero presenterà le nazioni partecipanti e coordinerà uno spettacolo con artisti locali come Pino e gli AntiCorpi, i Bertas e la cover band Carletto e i suoi mostri.

Alla serata interverranno, inoltre, il sindaco di Alghero Mario Bruno, il presidente della Federtennis Angelo Binaghi e il presidente del Comitato paralimpico Luca Pancalli.

Leggi tutto
1 2 3 46
Page 1 of 46
Dimensione carattere
Designed by

best down free | web phu nu so | toc dep 2017

Advertisment ad adsense adlogger